Granfondo Terre Federiciane

Granfondo Terre Federiciane: tutto secondo i piani nell'organizzazione dell'evento

,



Granfondo Terre FedericianeMancano 16 giorni alla data della prima edizione della GF Terre Federiciane in quel di Rocca Imperiale e la macchina organizzativa sta’ mettendo a punto tutti i dettagli per offrire un evento di alto livello agli atleti che vorranno dare fiducia agli organizzatori.

Iniziamo dal tracciato. 51 km con oltre 1700 metri di dislivello per una gara che parte dal mare, non sono certamente pochi. Abbiamo voluto valorizzare sia il nuovissimo lungomare dove ci sarà la partenza e l’arrivo della gara, sia il borgo storico che merita grande attenzione per la sua ubicazione e per la sua bellezza.
Per questa ragione il percorso prevede dopo i primi 6 km che vanno dal mare al borgo, un anello di 20 km da ripetersi due volte, quindi con un doppio passaggio nel centro storico.

Il tracciato prevalentemente con fondo sterrato, non presenta fondi argillosi e drena molto bene, quindifruibile sia con il sole che con condizioni meteo impietose, peraltro molto difficili in questa zona. Le salite presentano due difficoltà:
le pendenze, perché ci sono alcuni tratti con oltre il 25 per cento di pendenza;

il caldo perché gli ultimi 4 chilometri che portano gli atleti nel punto più alto (690 mt. S.l.m.), sono esposti al sole anche se meravigliosamente panoramici.
Per contro trovandosi in un anello di 20 km, i ristori si raddoppiano e inoltre grazie al contributo di tre diversi gruppi di Protezione Civile, avremo dei nebulizzatori d’acqua in due diversi punti del percorso.

Oltre 50 le persone sul tracciato a garantire la regolarità della competizione e la sicurezza del tracciato che peraltro verrà particolarmente curato nella tracciatura e segnalazione. Una nota particolare merita la tracciatura del borgo di Rocca Imperiale che prevede la segnalazione con piantine di limoni, di cui questo luogo ne è il regno, al posto di transenne di fettucce e transenne.
Una volta terminata la competizione, gli atleti verranno “coccolati” con graditissimi piatti culinari. Vere specialità artigianali di ben 3 regioni italiane diverse. Vi raccontiamo del primo piatto perché lo abbiamo già pubblicizzato sulla nostra pagina facebook che sarà composto da una pasta artigianale arricchita, nell’impasto con il limone tassativamente di Rocca Imperiale, condita con splendide e freschissime cozze ioniche.

Vogliamo con questi ed altri dettagli, che vi sveleremo nei prossimi giorni, rendere questo evento “diverso”, in attesa di svilupparlo anche dal punto di vista agonistico in un prossimo futuro.

Granfondo Terre Federiciane: tutto secondo i piani nell'organizzazione dell'evento
13643 visualizzazioni


Ultimi Aggiornamenti

Braidot sogna l’apoteosi in Val di Sole: Obiettivo Coppa del Mondo
Il friulano portacolori del Team Santa Cruz-FSA sarà l’azzurro più atteso ai nastri di partenza del gran finale di Coppa del Mondo in Val di Sole (2-4 settembre), forte dei due successi di fila conquistati nel mese di luglio, a Lenzerheide e Andorra.
Young Guns
Quattro promesse della Mountain Bike italiana si raccontano in un'intervista esclusiva. Guarda ora il video con Giada Specia, Simone Avondetto, Filippo Fontana e Andreas Vittone.
Coppa del Mondo MTB 2023: Val di Sole in calendario dal 30 giugno al 2 luglio
La grande classica italiana di Coppa del Mondo UCI di Mountain Bike regalerà spettacolo agli appassionati anche nel 2023. Nel calendario del massimo circuito mondiale, che dalla prossima stagione passerà alla gestione di ESO Sport – Warner Bros Discovery, c’è anche il grande appuntamento di Val di Sole, che nel 2023 si svolgerà dal 30 giugno al 2 luglio.
X-Legend: l’evento dell’anno si corre il 23 ottobre
Mancano circa due mesi e mezzo alla Castro Legend Cup, la finalissima tra i Trofei d’Italia. La festa della mountain bike nel Tacco più chic del Belpaese.
Sila EPIC : importanti variazioni sul regolamento
A rettifica di quanto espresso nel regolamento, riteniamo opportuno effettuare alcune variazioni.
Saitta ci prende gusto
La gara organizzata da Luciano Forlenza e dal suo team Bike & Sport è stata impegnativa, a differenza di quanto potevano raccontare i crudi dati tecnici: 42km e 1400m di dislivello.


Altre Notizie »