Mediterraneo Cross

Il Mediterraneo Cross, un successo. Grazie agli sponsor

,
1452 visualizzazioni


Mediterraneo CrossSi è conclusa con successo la prima edizione del “Mediterraneo Cross” trofeo nato dalla sinergia di quattro società attive nella disciplina del ciclocross ed appartenenti ai comitati F.C.I. di Basilicata, Puglia e Campania.
L’avventura è iniziata in terra lucana il 22 ottobre a Viggiano col 6° Trofeo Città di Viggiano, organizzata dalla società Team Bikers Viggiano.
E’ poi proseguita il 9 dicembre in terra salentina a Montesano Salentino, con il “1° Trofeo del Sorriso”  organizzata dalla ASD Scuola di Ciclismo Vincenzo Nibali.
Ed ancora in Puglia, ma più a nord, precisamente a Bisceglie il 16 dicembre si è disputata la “21° Coppa Città di Bisceglie” con l’organizzazione curata dalla Polisportiva Dilettantistica Gaetano Cavallaro.
L’atto finale si è svolto in terra sannita a Cusano Mutri il 23 dicembre con l’organizzazione della  ASD New Valley Ciemme Sport.

Le società organizzatrici, con grande sforzo economico, hanno cercato di mantenere in ogni tappa un livello qualitativo alto, raccogliendo unanimi pareri favorevoli da parte dei partecipanti.
Questo “must” organizzativo, unito al ricco montepremi finale per le categorie agonistiche e per le società ed all’estensione per le categorie amatori fino al 5° posto ha sancito il successo di questa prima edizione.

Il Mediterraneo Cross ha quindi registrato un buon successo di partecipazione con una media di 170 partenti per tappa, con la presenza di team provenienti da tutte le regioni del centro sud.
La partecipazione non è stata solo numerica ma anche di qualità coi i giovani Campioni Italiani in carica Ettore Loconsolo (Team Eurobike) vincitore della categorie Allievi ed Entony Montrone (Andria Bike) vincitore della categoria Esordienti.

Tutto questo si è reso possibile grazie all’aiuto di sponsor quali Northwave, noto marchio di Onigo di Pederobba (TV), nato nel 1993 da un idea di Gianni Piva che lanciò la moda delle scarpe bi-colori per MTB che ha fornito scarpe ed accessori per la premiazione finale. La ditta Ciemme Sport con sede a Sarno (SA) azienda campana nata nel 2015 specializzata nell’abbigliamento per ciclisti personalizzato che ha offerto le maglie di leader di tappa. L’Arte del Vetro, azienda lucana di Marsicovetere (PZ) artigiani nella lavorazione e nella realizzazione dei trofei per le premiazioni finali. Ed in fine il prezioso contributo di MTBonline.it sito di riferimento dell’attività fuoristrada che ha curato la comunicazione, le classifiche ed ha offerto le maglie per la premiazione finale.

A tutti rinnoviamo l’appuntamento per l’edizione 2019/20.


1452 visualizzazioni




Ultimi Aggiornamenti

Sila EPIC: cresce l'attesa per il grande evento del 25 agosto
La Sila Epic è solo alla sua quarta edizione ma è già un evento che richiama atleti da ogni parte d'Italia e non solo, il Parco Nazionale della Sila sarà lo scenario della grande sfida per la lotta al podio della gara calabrese.
XC Antica Cubulteria Ferritto sugli scudi
Domenica 14 luglio ad Alvignano, tra i single trak e gli antichi borghi della cittadina del glorioso popolo Sannita, si è svolta la “XC Antica Cubulteria”.
Domenica quattro agosto si corre il 9° XC Corte Franca
Si avvicina sempre più la nona edizione dell'XC Corte Franca , calendarizzata dal Cycling Team Corte Franca, in collaborazione con il CSI di brescia, nella giornata di domenica 4 agosto.
MTB Race del Monte Sirino, doppietta per Favale
Cala il sipario sulla V Edizione della MTB Race del Monte Sirino. La Granfondo dell'Appennino Lucano Meridionale si chiude con la vittoria di Francesco Favale portacolori della Carbonhubo CMQ. Il giovane atleta calabrese conferma i favori del pronostico e bissa la vittoria dello scorso anno mettendo in evidenza un feeling unico con le rampe e gli sterrati del Monte Sirino.
La 3TBike è di Andrea Righettini
Domenica 14 luglio si è corsa a Telve Valsugana, la dodicesima edizione della 3TBike, quarta tappa del Circuito Trentino MTB. Percorso tutto nuovo che ha toccato tanti vecchi punti storici della gara. Salite non troppo lunghe, discese divertenti ma non impossibili. 36 km e 1400m di dislivello con scenari nuovi, discese meno tecniche ma sempre in single track divertenti, "flow" (scorrevoli) come direbbero i pro


Archivio completo »