TILIMENT MARATHON BIKE

Peeter Pruus fa sua la prova UCI Marathon Serie in un tempo da vero nord

Grande rimonta per l’estone della TorpadoSudTirol, sul podio i tedeschi Sasha Weber e Simon Schneller, primo italiano Fabian Rabensteiner quarto. Tra le donne Gaia Ravaioli batte anche la sfortuna. Sara Casasola e il duo Visinelli/Franzoi monopolizzano la Granfondo di 52 km

,
photo credits ©Denis Scarpante
1178 visualizzazioni


TILIMENT MARATHON BIKESpilimbergo (PN)- Un vincitore è un sognatore che non si è mai arreso. E’ proprio il caso di dirlo oggi, dove in una giornata da vero nord con pioggia, vento e neve, l’estone Peteer Pruus, portacolori della Torpado Sudtirol scrive il suo nome nell’albo d’oro della manifestazione che dopo il Campionato Europeo del 2018, festeggiava quest’anno la sua 11ma edizione ed era la prima tappa italiana di UCI Marathon Serie.

MOLTE DEFEZIONI - La giornata è cominciata come da previsioni con il maltempo: il Direttore di Corsa unitamente al collegio di giuria UCI ha deciso di tagliare il tratto più ostico del percorso, la salita e relativa discesa del Monte Pala, dov’era in corso una nevicata. Con circa 10 km in meno è partito puntale alle 9 il gruppo, dove dobbiamo segnalare comunque parecchie defezioni dell’ultimo minuto.

Una gara dura e per duri : impostata fin dall’inizio su un ritmo elevato dove si son visti fin da subito molto attivi i tedeschi Sascha Weber e Simon Schneller, unitamente al campione europeo Medvedev, a Fabian Rabensteiner, Cristian Cominelli , Leonardo Paez, PeteerPruus, Tony Longo e Juri Ragnoli. Man mano che passavano i km e il freddo cominciava a farsi sentire, andava a definirsi un duo di testa che procedeva in accordo per parecchi km : si trattava dell’italiano Fabian Rabensteiner, lo scorso anno sul podio Europeo, e del tedesco Sascha Weber, ottimo ciclocrossista che si sta ben comportando anche nelle lunghe distanze. Dietro con un gap superiore al minuto viaggiava l’estone PeeterPruus, con Leonardo Paez e Simon Schneller. Negli ultimi 20 km di gara cominciava la rimonta del portacolori della TorpadoSudtirol :Pruus prima prendeva poi staccava Rabensteiner e Weber, andando ad involarsi tutto solo lungo il rettilineo finale del Duomo di Spilimbergo.
Dietro tra crisi e ritiri si rimescolavano le carte con Weber (Maloja Rocky Mountain) che conquistava la seconda posizione, e il giovane elitemaster sport Simon Schneller (Team Baden) il terzo posto.
Quarto chiudeva il primo italiano Fabian Rabensteiner (Trek Selle San Marco) a 4 min e 25 e chiudeva la top 5 Simon Stiebjahn (Team Bulls). Altri italiani nei primi 10 :Juri Ragnoli 6°, Daniele Mensi 7°, Pietro Sarai 8°, Cristian Cominelli 9°.

Tra le donne è stata sempre al comando la genovese GiaiaRavaioli (KTM Alchemist Dama) che ha inflitto un distacco pesantissimo alla seconda, la tedesca StefanieDohrn (38 Handl). Ravaioli ha mantenuto un margine importante nonostante la rottura di un pedale a 20 km dall’arrivo. Più forte della sfortuna.Ritirate e non partenti le altre atlete elite in gara.

GRANFONDO - La Granfondo di 52 km ha visto l’assolo di squadra dei due ragazzi della Salese Factory Team Enrico Franzoi e Rafael Visinelli, entrambi avezzi a fango e freddo (Franzoi è ancora in attività anche nel cx). Notevole il loro margine di vantaggio sul terzo, Michael Wohlgemuthdella Wilier Force arrivato a circa 4 minuti. Segue Andrea Dalla Pria ed Alberto Brancati. Tra le donne assolo della friulana, tricolore di cx under 23, Sara Casasola (Servetto Piumate) che ha fatto gara a sé sull’austriaca Nina Mossner (TriviumFroggy Line) arrivata a 10 minuti e la master Beatrice Balducci (Team Spacebikes).

Un grande ringraziamento va a tutti i volontari, giuria, sponsors, supporter e staff organizzativo che – nonostante le condizioni critiche- hanno presenziato e lavorato senza sosta per la riuscita della manifestazione.
La Tiliment Marathon Bike sarà trasmessa mercoledì alle ore 20 su Canale Italia 84 durante la trasmissione Scratch e durante il programma MTB Granfondo. Altri passaggi tv saranno resi noti nei prossimi giorni.

Un’ampia gallery fotografica sarà disponibile nel sito www.trevisomtb.it e nella pagina FB di Tiliment Marathon Bike


1178 visualizzazioni




Ultimi Aggiornamenti

Master Cross Selle SMP verso la quarta tappa di Faè di Oderzo
E’ in dirittura d’arrivo il Master Cross SMP che domenica 8 Dicembre, giorno dell’Immacolata torna alla gara storica di Borgo Barattin a Faè di Oderzo, tra filari di vigne e percorso che – secondo le previsioni- per questa volta dovrebbe risparmiare il tanto fango delle ultime uscite.
Trofeo MediterraneoCross: si riparte da Bisceglie!
Si ta per concludere un lungo periodo di pausa per gli amici del ciclocross del sud Italia che da domenica 20 ottobre, data di apertura del MediterraneoCross, attendono di ritornare sui prati e nel fango per rilanciare la sfida di questa stagione.
MediterraneoCross: l'8 Dicembre a Bisceglie per la 22° Coppa Città di Bisceglie – 9° Memorial Peppino Preziosa
Ultimi ritocchi al percorso che il prossimo 8 Dicembre vedrà impegnati circa 200 ciclopratisti alla 22° Coppa Città di Bisceglie – 9° Memorial Peppino Preziosa. La Polisportiva dilettantistica “Gaetano Cavallaro” sta apportando gli ultimi ritocchi per garantire un alto livello tecnico e spettacolo per tutti.
Dorigoni trionfa nel fango di Brugherio
Jakob Dorigoni ha regalato alla Selle Italia-Guerciotti-Elite un successo importante. Il corridore altoatesino ha vinto per distacco la prova di Brugherio del Master Internazionale Smp di ciclocross.
Master Cross SMP: Dorigoni su Bertolini e Fontana nel fango e nella pioggia di Brugherio
Ad un passo da Milano si sono svolte gare di altissima qualità, tutte combattute dall’inizio alla fine. La copertura in diretta web nella mattinata e le due gare clou su Rai Sport hanno dato la possibilità a tutti gli appassionati e non solo di scoprire questa disciplina da vicino.
Sasha Weber e Francesca Baroni infiammano il GP Guercioti
Lo sprint del tedesco Sascha Weber e la tenacia di Francesca Baroni hanno contraddistinto l’edizione numero 41 del Gran Premio Mamma e Papà Guerciotti internazionale di ciclocross.


Archivio completo »