Trentino MTB

Passo Buole Extreme 2019, dopo la pioggia di soddisfazioni si pensa al futuro

Si lavora per un passaggio spettacolare a Borgo dei Posseri e una Randonée della vigilia dedicata alle famiglie.

,
photo credits ©Daniele Mosna
1554 visualizzazioni


TrentinoMTBDomenica scorsa, ad Ala, più di 300 bikers hanno partecipato alla Passo Buole Xtreme, gara di mountain bike tra le più autorevoli in territorio trentino, che nella sua quinta edizione ha espresso nel migliore dei modi, causa il maltempo incessante, la sua caratteristica “xtreme”.
Per tutta la settimana sono piovute espressioni felici e di riconoscimento da parte dei singoli atleti, delle società, di tutti, nei confronti degli organizzatori che hanno saputo dedicare una manifestazione all’insegna della qualità, ma soprattutto della sicurezza. Sicurezza particolarmente percepita dagli atleti in gara che hanno potuto così vivere la loro competizione esprimendosi al massimo in tecnica e in divertimento. Non è cosa da poco.

Il nuovo percorso, modificato quest’anno a causa del rischio valanghe a Passo Buole, è piaciuto moltissimo, forse più impegnativo, ma sicuramente più coinvolgente e spettacolare, tantoché sarà riproposto anche nella prossima edizione.

Ma dietro tutte queste soddisfazioni c’è un cuore grande, formato da una grande orchestra e da un direttore. Stefano Mellarini, gm della Passo Buole Xtreme si era emozionato durante le premiazioni della gara nel ringraziare la sua squadra: “Le vere risorse di una comunità sono le persone. La Passo Buole Xtreme ne è una forte dimostrazione. Tutto questo infatti, è stato possibile grazie ad un progetto e ad una squadra fantastica formata da tantissime persone, tutti volontari, che fanno parte delle varie associazioni che vivono e lavorano per la comunità di Ala e che hanno condiviso e supportato questo nostro progetto.”
Questo è stato il vero successo della gara, accanto ad un centro storico straordinario, particolarmente votato per intrecciare le persone agli eventi, per comunicare la stretta connessione che ci deve essere tra la città e la sua promozione. Sicurezza abbiamo detto, ma anche tanta qualità. Da sempre fiore all’occhiello della manifestazione è stato il Pasta Party, curato nei minimi dettagli da oltre 15 anni dal gruppo Nu.Vol.A della Bassa Vallagarina, sotto la guida del responsabile Armido Campostrini.

Archiviata da pochi giorni la gara, Mellarini con la Società Ciclista Ala stanno già pensando alla prossima edizione: “Lavoreremo per un passaggio spettacolare nella tenuta dei Posseri che assieme a Maso Michei potrebbe rivelarsi un binomio estremamente interessante non solo dal punto di vista della gara, anche di relazione con una risorsa del nostro territorio, come l’enogastronomia. Siamo particolarmente attenti a lavorare su queste sinergie, su queste contaminazioni, come è stato fatto quest’anno, ad esempio, con il traguardo “di velluto” dal portone principale di Palazzo Azzolini nel cuore di Ala, dal forte significato di legame con l’arte e la cultura, emblemi della città di Ala”.

Passo Buole Xtreme è nata come progetto di sviluppo turistico, il suo futuro è tracciato. Impossibile trascendere da un pensiero dedicato alla e-bike che potrebbe rivelarsi come una Randonée della vigilia, un momento diverso, dedicato soprattutto alle famiglie.


1554 visualizzazioni




Ultimi Aggiornamenti

Dorigoni, è l'ora del debutto. Eva Lechner: SI al Guerciotti
Domenica 17 novembre i ciclocrossisti del Gruppo Sportivo Selle Italia – Guerciotti – Elite parteciperanno alla gara internazionale di Saccolongo (Padova) valida per il Master Smp.
20 anni dopo è ancora Nys a Silvelle. Pieterse prima campionessa donne jr
Cambiano le generazioni ma la famiglia Nys è destinata ancora a far parlare di sé nel mondo del ciclocross. A vent’anni di distanza dal trionfo di Sven a Silvelle, in una storica prova del Superprestige, il figlio d’arte Thibau Nys si è aggiudicato la gara Uomini Junior dei Campionati Europei di Ciclocross.
Crispin e Alvarado Campioni Europei Under 23
Nella gara Uomini U23 si è iscritta anche la Francia al novero delle nazioni vincitrici di una medaglia d’oro ai Campionati Europei 2019. Merito di Mickael Crispin, vincitore a sorpresa, che ha preceduto con un grandissimo ultimo giro il belga Timo Kielich, secondo, e il connazionale Antoine Benoist, terzo.
Lechner Argento da sogno nel giorno della Kastelijn
Prima, imbattibile, Yara Kastelijn. Seconda una straordinaria Eva Lechner. È stato monopolio olandese nelle categorie femminili degli Europei di Ciclocross ma è soprattutto grande festa in casa Italia grazie a una performance di spessore dell’esperta altoatesina.
Non c'è due senza tre: Van Der Poel Batte il Belgio
Grande spettacolo e incertezza nella prova Uomini Elite. Alla fine, ancora una volta, trionfa Mathieu Van der Poel, che si porta a casa il suo terzo titolo europeo consecutivo, un’impresa mai completata in passato per un atleta abituato ai primati. Esce a testa altissima dalla battaglia sul fango Eli Iserbyt, che si è arreso alla forza del Campione del Mondo solamente nell'ultimo giro.
Trentino MTB, festeggiati i vincitori dell undicesima edizione
Nel pomeriggio di ieri, sabato 9 novembre, presso la Sala Don Guetti della Cassa Centrale Casse Rurali a Trento, si è tenuta la cerimonia di premiazione finale del l’undicesima edizione del Circuito Trentino MTB.


Archivio completo »