Diario di bordo

HERO Dubai: l'esperienza di Ato, uno di noi

,
photo credits ©Ato Fedon
596 visualizzazioni

Parte prima


Il 6 e 7 Febbraio è in programma la HERO Dubai, un evento di livello internazionale, che si svolgerà nella località di Hatta, sede di un parco naturale e un percorso di 63 km e 1.600 metri di dislivello, prevalentemente su su sterrato e sabbia. Ato Fedon, altoatesino, nostro amico e frequentatore del Trofeo dei Parchi Naturali, in quel di Dubai per partecipare all'evento, ci racconterà la sua esperienza day by day, tra deserto e sfarzosi grattacieli!
"La mia giornata inizia presto, quest’ oggi.
La sveglia tuona alle 6.
Doccia, colazione e mi preparo per la mia ricognizione con la mia mtb ad Hatta, teatro della prima edizione della HeroWorldSeries Dubai.
5 mesi di preparazione in palestra con i miei istruttori di Spinning e di CrossFit: un grazie ad Ennio e a Ferro!
Domani si partira’ in gara e quello che c’ e’ nel pentolone verra’ fuori.

Sono emozionato ma fiducioso,anche se sono perfettamente conscio che non sara’ una passeggiata.
Il ns. pulmino oggi arriva con 1 ora e mezza di ritardo. Non importa. L’ importante e’ che domani siano puntuali, perche’ abbiamo la gara.

Alle 11 arriviamo ad Hatta.
Tutti prendono posto nel loro albergo ed io mi ritrovo solo.
Parto inizialmente alla ricerca della seconda parte del percorso. Non dispongo della traccia sul mio Garmin, pero’ ho un cartina fotografata e con cio’ mi metto a pedalare.

Non mi sono mai perso, ne in aereo ne in macchina, pero’ la seconda parte del tracciato non la trovo e cosi’ me ne ritorno al punto di partenza.
Vedo due biker che scopriro’ dopo le ns. presentazioni, essere Paolo e Ricky, di Bergamo. Si parte finalmente per la ns. ricognizione.

Il terreno e’ roccioso con parti sabbiose.
Il panorama estremamente nuovo per un “Dolomitico” come me: rocce, sabbia ma null’ altro.
Si potrebbe pensare a qualche cosa di non bello. Invece ne sono letteralmente estasiato.
Tutto nuovo, dai profumi all’ ambiente. Dalle persone, agli animali. Bello.

Una trentina di Km e ritorniamo alla partenza.
Mangiamo qualche cosa e poi mi dirigo verso il mio appuntamento con il tassista per il mio ritorno a Dubai, che sara’ naturalmente in ritardo!
Al ritorno “me pia n’abbiocco” e mi addormento, ma la voce stridente dell’ autista mi sveglia per rassicurarmi che lui non ha sonno.
Non faccio in tempo a pensare “menomale’ che gli parte uno sbadiglio “ippopotamico”.
Stamo messi bene!
Inoltre aveva un insieme di tic rumorosi con la bocca ed il naso che mi facevano impazzire. Ne conto regolarmente 7 ogni minuto e per le due ore di viaggio, fanno un casino di circa 800 volte.

Entrati a Dubai un traffico infernale.
Non resisto e gli dico: ”amico ferma il mezzo che ritorno in albergo in bici”!
E cosi’ feci.
La bici e’ un mezzo meraviglioso, anche in città’!
Ora mi riposo a letto e domani sveglia alle 4,45 per la gara ad Hatta.
Ciao a tutti!

A domani"


In bocca al lupo Ato, e... divertiti!!!
 
Ato Fedon
Dubai
Ato Fedon
Ato Fedon - HERO Dubai 2020
HERO Dubai: l'esperienza di Ato, uno di noi
photo credits Ato Fedon

596 visualizzazioni




Ultimi Aggiornamenti

Ciao Marco
16 anni fa, il 14 febbraio del 2014, veniva a mancare Marco, il Pirata, lo scalatore delle nostre emozioni, il Campione di sempre
Il 2 Agosto 2020 la Granfondo dei Bruzi
Il 2 Agosto la Granfondo dei Bruzi vi aspetta a Laino Borgo
XCO Città di Caltanissetta: al Parco Urbano Balate oltre 260 iscritti
La XCO Città di Caltanissetta è stata organizzata dall’associazione Caltanissetta Provincia dei Castelli in collaborazione con Imera Bike Adventure.
Sila3Vette, successo oltre le previsioni
La quarta edizione della Sila3Vette è andata in archivio regalando a tutti i presenti, dai partecipanti al pubblico, tre giorni di assoluto spettacolo ma soprattutto di emozioni intensissime
HERO Dubai: l'esperienza di Ato, uno di noi
Racconto della giornata di gara del notro amico Ato Fedon impegnato alla HERO Dubai tra inconvenienti tecnici, fisici, ed emozioni forti.
Colnago G3X: versatilità su ruote
L’innovazione si vede anche dalla capacità di cambiare. Per questo alla crescita del settore Ciclocross Colnago risponde con G3X, la bici che proietta l’esperienza Gravel nel 2020. Parola d’ordine “versatilità”: un livello mai raggiunto anche rispetto a Prestige, la due ruote che ha fatto la storia di questa disciplina.


Archivio completo »