Selle Italia Guerciotti Elite

Giro Cross: Dorigoni e Baroni in Rosa

,


Di Tano: “Spero possano gareggiare all’estero”


Domenica scorsa il team Selle Italia – Guerciotti – Elite del direttore sportivo Vito Di Tano ha partecipato alla terza prova del Giro d’Italia di ciclocross; si è svolta a Ladispoli, in Lazio. 
La squadra del presidente Paolo Guerciotti ha vinto la gara open maschile grazie al Campione d’Italia Jakob Dorigoni e quella femminile con Francesca Baroni. Dorigoni è maglia rosa con tre successi su altrettante prove disputate.
Anche la Baroni è leader in classifica, e a Ladispoli ottenuto la seconda vittoria su tre prove. “Riguardo Dorigoni e la Baroni – afferma il diesse Di Tano -  tutto sta andando come  volevamo”. 

Ha iniziato bene la stagione crossistica la under 23 Gaia Realini. “All’inizio della gara di Ladispoli è rimasta coinvolta in una caduta e con altre concorrenti ha perso 30”. Il circuito era veloce e annullare un gap di 30” e’ stato come rimontare 3 minuti su un percorso fangoso e ricco di salite. Alla fine la Realini ha pagato lo sforzo. E’alla prima esperienza in una squadra con svariati specialisti del cross di elevata statura tecnica, era abituata a fare l’individualista, si deve ancora ambientare”.

Tra i crossisti griffati Selle Italia-Guerciotti – Elite c’è anche lo junior Gabriel Fede, classe 2003, piemontese.  “Non è possibile fare una valutazione su di lui. Alla prova di Jesolo su un tratto sabbioso ha avuto un blocco ai muscoli gemelli, ritirandosi. A Corridonia, nella seconda prova del Giro cross, ha quindi preso il via nelle ultime file e malgrado ciò è riuscito a rimontate arrivando tra i primi 10. Gabriel a Corridonia mi è piaciuto malgrado un leggero calo negli ultimi due giri, comprensibile per chi parte dietro e deve rimontare una sessantina di corridori. Più avanti lo potrò valutare meglio”.

Domenica 25 ottobre alla quarta prova del Giro d’Italia, a Osoppo (Udine), la squadra schiererà  tutti  i  suoi crossisti. 
Per  il  neo-acquisto  Filippo  Agostinacchio  si  tratterà del debutto stagionale nel cross. Agostinacchio, junior leva 2003, è reduce da brillanti risultati nel cross country mountain bike; s’è messo in grade evidenza a livello internazionale.
“Chiaramente Filippo è in forma smagliante- fa notare Vito – però non pretendiamo che si dimostri supercompetitivo nel ciclocross in tempi brevi: deve tra l’altro assimilare la nuova posizione in bici.
Come posizione in sella passare da mountain-bike a bici da cross è più complicato che passare da quella da strada al cross. Il mezzo da strada è simile a quello da ciclocross. Comunque ci attendiamo ottimi risultati da Agostinacchio”.

Il Covid 19 condiziona i programmi della Selle Italia – Guerciotti – Elite: “Avevamo in programma diverse trasferte agonistiche all’estero già in ottobre, invece sarà tanto se riusciremo a svolgere un bel programma a livello nazionale. Per il momento non si può programmare nulla a lungo termine. E’ il motivo per cui non sono in grado attualmente di stabilire se Dorigoni e la Baroni vanno più o meno forte rispetto all’inizio della scorsa stagione:  mancano  i  confronti  con  grandi  specialisti  stranieri.  Spero  di  riuscire  a  farli correre all’estero”.  

GRAN PREMIO MAMMA E PAPA’ GUERCIOTTI – Con la speranza che il Covid 19 non crei  problemi  alle  organizzazioni,  nella  stagione  invernale  2020  –  21  il  Gran  Premio Mamma  e  Papà  Guerciotti  internazionale  di  ciclocross  è  in  calendario  domenica  22 novembre all’Idroscalo di Milano.
Giro Cross: Dorigoni e Baroni in Rosa
3995 visualizzazioni


Ultimi Aggiornamenti

A Moschiano cresce l’attesa per il battesimo della nuova Moschiano Race Marathon
Nonostante qualche piccola difficoltà, procede a pieno ritmo l’allestimento e la preparazione della Moschiano Race Marathon che, per questa edizione, vedrà un imponente sforzo organizzativo da parte della Moschiano Mtb Adventure.
Italia sull’Olimpo, anzi, sull’Olympia. Marzio Deho campione del mondo assoluto. Andrea Righettini e Stefano Dal Grande vincitori della Dolomitica Marathon
ulla linea di partenza della Pineta, nella mattinata di oggi, sabato 25 giugno, c’era il mondo. Trenta nazioni rappresentate, 800 i partenti.In palio c’era la maglia iridata per la categorie master mtb, quella maglia dal fascino irresistibile: indossarla è un sogno, viverla, un’avventura unica. Per tutti e per tutto il mondo.
La Thuile esalta Luca Braidot e Martina Berta Il friulano e Giada Specia nuovi campioni di IIS
Con il gran finale di La Thuile, sabato 25 giugno si è conclusa la stagione 2022 di Internazionali d’Italia Series, il più importante circuito italiano di Cross Country MTB, che anche quest’anno ha offerto gare e protagonisti ai massimi livelli della disciplina a livello mondiale negli appuntamenti di San Zeno di Montagna, Nalles e Capoliveri, fino alla conclusione in Valle d’Aosta.
L’iridata Richards torna in Italia: a La Thuile per puntare al tris
Si va ormai delineando il campo dei rider e delle formazioni ai nastri di partenza di La Thuile MTB Race, la quinta e ultima tappa di Internazionali d’Italia Series. Sabato 25 giugno in Valle d’Aosta ci sarà anche la Campionessa del Mondo Evie Richards, che a La Thuile in questi anni ha fatto percorso netto, dominando entrambe le edizioni fin qui disputate di un evento che quest’anno ha conquistato la categoria UCI HC.
Dolomitica 2022. Vi presentiamo i favoriti
L’emozione della vigilia di un Mondiale ha un nome, anzi dei nomi. Vediamo quali sono quelli da seguire e … inseguire domani a Pinzolo, sui percorsi della Dolomitica 2022 UCI Marathon Masters MTB World Championships.
Fruet presenta il finale di Valsugana Wild Ride: “Sentieri fantastici da veri biker”
Non sempre la discesa è la parte più facile di un percorso. Chi è abituato a macinare chilometri in mountain bike lo sa: molto spesso dopo la salita si nascondono le insidie di un tratto veloce e tecnico che può fare davvero la differenza.


Altre Notizie »