Gravel

Bianchi presenta il nuovo modello Gravel Arcadex: Nature Amplified

,
photo credits ©Olafpix


Il modello in carbonio Arcadex porta sullo sterrato la velocità e l’estetica tipiche di una bici da strada, congiungendo l’animo umano all’universo naturale circostante


Per chi ama avventurarsi fuori dal sentiero tracciato senza rinunciare alla prestazione, Bianchi presenta il nuovo modello gravel in carbonio Arcadex, frutto dell’incontro tra il desiderio di contatto con la natura e il pedigree racing del DNA Bianchi. Arcadex è una gravel bike ad alte prestazioni, pensata per il ciclista moderno.
 
Il telaio in carbonio dell’Arcadex pesa 1.100 grammi (in taglia 55) ed è incredibilmente reattivo, sia che si tratti di esplorare nuove strade o di assecondare il gusto della competizione. Arcadex porta la velocità e l’estetica tipiche di una bici da strada al di fuori dalla striscia di asfalto, sviluppando il massimo della potenza da ogni pedalata, indipendentemente dal terreno.  
 
Il nome Arcadex trae ispirazione dalla leggendaria regione del mito classico Arcadia (ρκαδία), un luogo dove regnava l’armonia della natura. Arcadex coltiva lo stesso obiettivo: essere l’anello di congiunzione tra l’anima umana e l’universo naturale, attraverso un’esperienza sensoriale che va dalla freschezza delle colorazioni al calore dell’amicizia nelle uscite in compagnia.
Il telaio in carbonio dell’Arcadex pesa 1.100 grammi (in taglia 55) ed è incredibilmente reattivo alla guida (Credits: Olafpix)
Il telaio in carbonio dell’Arcadex pesa 1.100 grammi (in taglia 55) ed è incredibilmente reattivo alla guida (Credits: Olafpix)
GRAVEL IN STILE BIANCHI
 
La cura del dettaglio tipica di Bianchi approda nel mondo gravel con Arcadex. Il design del telaio è stato ottimizzato per favorire la performance dal punto di vista aerodinamico, mentre lo spazio per gli pneumatici da 700x42 o 650x47 permette di affrontare senza timori anche le superfici più irregolari.
 
Naturalmente, Arcadex è predisposta per l’installazione di parafanghi e portapacchi, in modo da poter diventare facilmente un mezzo per il bikepacking ad andature sostenute. L’integrazione con il telaio è stata curata nel dettaglio per impedire l’ingresso di fango e detriti.
Arcadex è disponibile in due varianti colore, entrambe ispirate alla natura incontaminata dove la bici è a proprio agio
Arcadex è disponibile in due varianti colore, entrambe ispirate alla natura incontaminata dove la bici è a proprio agio (Credtis: Olafpix)

Arcadex è disponibile con trasmissione manuale o elettrica, e una serie sterzo compatibile con ACR, mentre la linearità nella giunzione fra il telaio e l’attacco è assicurato dal tubo sterzo e dai distanziali customizzati. Il risultato è una sintesi perfettamente integrata di tutti i componenti.

Arcadex è disponibile in due varianti colore, entrambe ispirate alla natura incontaminata dove la bici è a proprio agio. La scelta è fra la versione “gold storm” e l’iconico celeste Bianchi, entrambe accompagnate da “blue note”, una tonalità intensa e di grande impatto. La verniciatura e la grafica contribuiscono a dare un ulteriore senso di dinamismo e di sfrontatezza, quasi a trasformare la bici in un’estensione dell’ambiente circostante. Veloce, anche quando è ferma.


 
Bianchi presenta il nuovo modello Gravel Arcadex: Nature Amplified
photo credits Olafpix
4495 visualizzazioni


Ultimi Aggiornamenti

A Palazzo San Gervasio il ciclocross pronto a stupire e a regalare emozioni con il Trofeo Re Manfredi
Con la novità dello status di gara nazionale FCI, l’impegno è davvero notevole perché oltre alla normale organizzazione dell’evento, valevole come quinta prova del Mediterraneo Cross e di campionato regionale FCI Basilicata, ci si prepara ad accogliere al meglio un gran numero di atleti e di società che provengono dalle regioni limitrofe ed anche da quelle più lontane.
Belvedere Marittimo a tutto ciclocross nel giorno dell’Immacolata Concezione
La sesta edizione del Trofeo Città di Belvedere coincide con il quarto appuntamento in seno al Mediterraneo Cross e la macchina organizzativa sta curando ogni dettaglio nei minimi particolari grazie al dinamismo dell’Asd Belvedere-Ciclone
Nel Salento nasce il progetto Leo Costruzioni Salis Bike
Il team Salis Bike ha una rosa di atleti che in ogni campionato fa incetta di risultati importanti. Tra questi c’è e c’era anche Elio Aggiano, l’allora ragazzo che già all’età di 10-12 anni mostrava il suo carattere ciclistico vestendo i colori della Delta Zero guidata dal coach Bovelli.
Quando il ciclocross incontra la neve: Fruet lancia lo spettacolo di Val di Sole
Il weekend appena trascorso ha coperto i Laghetti di San Leonardo a Vermiglio di una candida coltre nevosa. Mentre il termometro scende, sale a dismisura l’aspettativa per l’arrivo della Coppa del Mondo di ciclocross in Val di Sole, con la neve che sempre di più promette di essere l’ago della bilancia di uno spettacolo unico, quello che andrà in scena l’11 e 12 dicembre prossimi.
Filippo Fontana profeta in patria a Vittorio Veneto. Sara Casasola trionfa nella gara femminile
La 37^ edizione del Gran Premio Città di Vittorio Veneto, 3^ tappa del Master Cross Selle Smp, ha visto alla partenza più di 400 atleti. Il fango l’ha fatta da padrone, rendendo insidioso ogni centimetro di gara e costringendo gli atleti a scendere dalla bici in numerosi passaggi tecnici.
Domenica 5 dicembre ritorna il Ciclocross in Sicilia
Domenica 5 Dicembre si svolgerà la 2° prova del TRINACRIA CROSS FCI nella bellissima cornice della riserva naturale del bosco della Ficuzza, a due passi da Corleone (PA).


Altre Notizie »