Trofeo dei Parchi Naturali

#anEPICjourney? Decisamente si

,
photo credits ©Antonio Caggiano - bikerounder.com



Un pieno di fatica ma, almeno, due pieni di emozione. Che gran gara è stata questa Sila Epic: dura?
No, molto di più! E’ lunga, interminabile, non finisce mai.

La Sila Epic è una di quelle gare che ti restano a lungo nelle gambe ma ancor di più nella mente. Qui i finisseur, dal primo all’ultimo, possono dirsi tutti vincitori… ma ora riavvolgiamo i nastri.
Domenica mattina Camigliatello Silano è invasa dai bikers. Qualcuno sa cosa gli aspetta, qualcuno lo immagina, qualcuno lo scopre strada facendo.
I big non mancano, a leggere i nomi sembra un campionato italiano, e chissà che un giorno…
Si parte forte, è subito salita, ce ne sarà tanta, tantissima!

Chiarini, Dorigoni, Billi, Colonna, Di Salvo, Saitta e Ficara prendono subito la testa, il loro ritmo è alto, forse anche esagerato. Dopo il primo Gpm di Monte Curcio hanno già un buon vantaggio sul gruppo, ormai completamente sfilacciato. Dietro di loro il vuoto. In diversi sbagliano percorso, anche troppi. Gli attesi Sirica e Ferritto lasciano, la gara è compromessa, impossibile riprendere la carrozza di testa lanciata a tutta velocità. Figueroa e Mandelli, invece, ripresa la retta via si esibiscono in un’entusiasmante gara ad inseguimento.

Tra gli uomini di testa è Dorigoni a imprimere il ritmo più violento, quasi non riescono a mantenere la sua ruota. Le prime tre ore sono frenetiche, Strava ne dà conferma, ma, c’è un ma, quella di oggi non è una marathon, è una EPIC.
Questo vuol dire che la gara non è finita, anzi, diciamo che ora sta per iniziare.

Dopo il sessantesimo Dorigoni rompe ed è costretto al ritiro, Di Salvo buca ripara cade insegue. Chiarini e Colonna prendono un po’ di margine, la gara dovrebbe essere cosa loro. Saitta è terzo alle loro spalle al GPM di Monte Botte Donato, ma presto ha i crampi ovunque. Billi, poco staccato, sale del suo ritmo, la Sila Epic la conosce bene, molto bene, ne ha già vinte due.
In testa, in discesa, è Chiarini a far valere le sue capacità tecniche. Colonna dietro di lui sbaglia percorso, ed è fuori, peccato. Per Chiarini sembra ormai cosa fatta ma dopo oltre quattro ore a tutta il corpo gli presenta il conto, è sfinito. Il ritmo di gara è stato davvero troppo alto, forse per una tattica troppo arrembante. Dietro di lui, però, la situazione è la stessa, più o meno per tutti, ma meno, molto meno, per Billi.

Si ancora lui, riconquista la testa sull’ultima salita con energie rinnovate, ed è ancora lui a calare il tris sul traguardo di Camigliatello Silano.
Chiarini ribissa il secondo gradino del podio come nel 2019, staccato di 1m 3sec, Saitta è terzo a 2m 30sec.
Tra le donne, e che donne, è la fortissima Chiara Burato a bissare il successo dell’ultima edizione. Alle sue spalle Greta Recchia anticipa in volata Mara Parisi, quest’ultima alla sua seconda gara in mountain bike.

Roba Epic, An Epic Journey nello spettacolo naturale del Parco Nazionale della Sila.

 

EPIC    158 classificati

1 BILLI JACOPO EL SOUDAL LEECOUGAN RACING TEAM
2 CHIARINI RICCARDO EL TORPADO-SUDTIROL MTB PRO TEAM
3 SAITTA VINCENZO UN A G SPORTING CYCLING TEAM
4 DI SALVO GIUSEPPE EL A.S.D. GDS TEAM COMPETITION
5 FICARA PIERPAOLO EL SAPURA CYCLING TEAM
6 ANGELETTI MICHELE EL BIKE THERAPY A.S.D.
7 PIACENTINI MATTEO ELMT ASD TEAM BIKE PALOMBARA SABINA
8 CLAUSER ANDREA M2 ASD CHERO GROUP TEAM SFRENATI
9 FIGUEROA GARCIA ERNESTO EL PIRAZ COACHING MTB ACCADEMY
10 VIGOROSO ANTONIO M1 ASD ROLLING BIKE

vai ai risultati

Classic    284 classificati

1 SEMERARO ROBERTO ELMT TEAM ERACLE
2 GRAZIANO ROSARIO M2 ASD ROLLING BIKE
3 SANSEVIERO FRANCESCO M1 ASD BIKE IN TOUR VALLO DI DIANO
4 SALANITRI NICOLO JU IL PIRATA PROFESSIONAL TEAM
5 D ANGELO MASSIMILIANO M3 ASD BIKE 1275
6 SICURO ANDREA JU SCUOLA CICL.VINCENZO NIBALI TUG.
7 SCARCELLI GIOVANNI PAOLO M2 ASD SILVA BRUTIA
8 CANNAVÒ DOMENICO M3 ASD BIKE PROJECT
9 MARTINA ANDREA M5 G.C. AIRONE LEO COSTRUCTIONS
10 NOTARPIETRO ANTONIO M2 NEW BIKE ANDRIA

vai ai risultati

 
...sofferenza e soddisfazione, dopo aver compiuto l'impresa!
Jacopo Billi in action
partenza Classic
#anEPICjourney? Decisamente si
photo credits Antonio Caggiano - bikerounder.com
4985 visualizzazioni


Ultimi Aggiornamenti

A Moschiano cresce l’attesa per il battesimo della nuova Moschiano Race Marathon
Nonostante qualche piccola difficoltà, procede a pieno ritmo l’allestimento e la preparazione della Moschiano Race Marathon che, per questa edizione, vedrà un imponente sforzo organizzativo da parte della Moschiano Mtb Adventure.
Italia sull’Olimpo, anzi, sull’Olympia. Marzio Deho campione del mondo assoluto. Andrea Righettini e Stefano Dal Grande vincitori della Dolomitica Marathon
ulla linea di partenza della Pineta, nella mattinata di oggi, sabato 25 giugno, c’era il mondo. Trenta nazioni rappresentate, 800 i partenti.In palio c’era la maglia iridata per la categorie master mtb, quella maglia dal fascino irresistibile: indossarla è un sogno, viverla, un’avventura unica. Per tutti e per tutto il mondo.
La Thuile esalta Luca Braidot e Martina Berta Il friulano e Giada Specia nuovi campioni di IIS
Con il gran finale di La Thuile, sabato 25 giugno si è conclusa la stagione 2022 di Internazionali d’Italia Series, il più importante circuito italiano di Cross Country MTB, che anche quest’anno ha offerto gare e protagonisti ai massimi livelli della disciplina a livello mondiale negli appuntamenti di San Zeno di Montagna, Nalles e Capoliveri, fino alla conclusione in Valle d’Aosta.
L’iridata Richards torna in Italia: a La Thuile per puntare al tris
Si va ormai delineando il campo dei rider e delle formazioni ai nastri di partenza di La Thuile MTB Race, la quinta e ultima tappa di Internazionali d’Italia Series. Sabato 25 giugno in Valle d’Aosta ci sarà anche la Campionessa del Mondo Evie Richards, che a La Thuile in questi anni ha fatto percorso netto, dominando entrambe le edizioni fin qui disputate di un evento che quest’anno ha conquistato la categoria UCI HC.
Dolomitica 2022. Vi presentiamo i favoriti
L’emozione della vigilia di un Mondiale ha un nome, anzi dei nomi. Vediamo quali sono quelli da seguire e … inseguire domani a Pinzolo, sui percorsi della Dolomitica 2022 UCI Marathon Masters MTB World Championships.
Fruet presenta il finale di Valsugana Wild Ride: “Sentieri fantastici da veri biker”
Non sempre la discesa è la parte più facile di un percorso. Chi è abituato a macinare chilometri in mountain bike lo sa: molto spesso dopo la salita si nascondono le insidie di un tratto veloce e tecnico che può fare davvero la differenza.


Altre Notizie »