Campionati del Mondo di MTB

La Black Snake incorona la sua regina: è Myriam Nicole

,
photo credits ©Michele Mondini



Con una run veloce e priva di sbavature, Myriam Nicole si è laureata in Val di Sole Campionessa del Mondo Elite di Downhill. La rider transalpina ha interpretato al meglio la temutissima Black Snake, chiudendo la sua run in 4.06.243 e infliggendo distacchi pesanti a tutte le sue avversarie.
Per Myriam Nicole si tratta del secondo titolo mondiale, dopo quello conquistato a Mont-Sainte Anne nel 2019, e della seconda affermazione sulla Black Snake. La 31enne transalpina riuscì ad imporsi per la prima volta in Val di Sole nel lontano 2011, in occasione della sua prima vittoria in Coppa del Mondo.
 
Quando vinsi il mondiale di Mont Sainte-Anne non avevo alcuna pressione su di me. Stavolta ne avevo moltissima, e sono stupita di come sia riuscita a gestirla, trovando grande fluidità soprattutto nella parte centrale. L’anno scorso ho potuto indossare la maglia appena per un mese, stavolta voglio godermela appieno: il fatto di averla conquistata qui, dove ho vinto la mia prima gara di Coppa, sul tracciato che per me è l’essenza del Downhill, per me significa tantissimo, ha detto Nicole.
 
Stavolta l’altra francese, Marine Cabirou (+4.827), si è dovuta accontentare della medaglia d’argento: la vincitrice in Val di Sole nel 2019 si è distinta con una parte centrale di assoluto livello, ma in complesso è stata meno efficace rispetto alla connazionale, in particolare nel tratto iniziale. Bronzo Svizzera con Camille Balanche (+6.099), ancora sul podio dei Campionati del Mondo dopo il successo conquistato a Leogang nel 2020.
 
Due le azzurre nelle prime 10, anche se la Val di Sole e il Trentino speravano in un acuto della vicecampionessa europea Eleonora Farina (+9.969), ancora una volta non fortunata nella gara di casa. Nell’ultimo allenamento prima della run decisiva, l’italiana è caduta subendo un forte colpo al ginocchio sinistro, che ne ha fortemente limitato l’azione. 
 
Sono stata sul punto di non partire, ha confessato Farina, e sono contentissima di averlo fatto, e aver goduto del boato di questo pubblico incredibile. Non riuscivo a muovere la gamba in maniera fluida, e l’errore che ho fatto a metà percorso è stata la logica conseguenza, dopo aver rischiato più volte. Potevo dare molto di più, ma nel complesso sono arrivata a meno di un secondo dal quarto posto: Val di Sole ancora una volta non mi ha portato fortuna, ma volevo onorare il mondiale e credo di esserci riuscita.
 
Nona invece l’altoatesina Veronika Widmann (+13.450), che dopo una prima metà di gara di buon livello ha perso smalto nell’impegnativa sezione centrale.
 
La grande delusa di giornata è sicuramente l’austriaca Valentina Holl: autrice di una grande prova fino a metà gara, la giovane rider, vincitrice in Val di Sole nel 2018 fra le Juniores, è rimasta vittima di una scivolata, compromettendo così le sue concrete speranze di medaglia.
Marine Cabirou, Myriam Nicole, Camille Balanche
Marine Cabirou, Myriam Nicole, Camille Balanche
La Black Snake incorona la sua regina: è Myriam Nicole
photo credits Michele Mondini
3212 visualizzazioni


Ultimi Aggiornamenti

A Moschiano cresce l’attesa per il battesimo della nuova Moschiano Race Marathon
Nonostante qualche piccola difficoltà, procede a pieno ritmo l’allestimento e la preparazione della Moschiano Race Marathon che, per questa edizione, vedrà un imponente sforzo organizzativo da parte della Moschiano Mtb Adventure.
Italia sull’Olimpo, anzi, sull’Olympia. Marzio Deho campione del mondo assoluto. Andrea Righettini e Stefano Dal Grande vincitori della Dolomitica Marathon
ulla linea di partenza della Pineta, nella mattinata di oggi, sabato 25 giugno, c’era il mondo. Trenta nazioni rappresentate, 800 i partenti.In palio c’era la maglia iridata per la categorie master mtb, quella maglia dal fascino irresistibile: indossarla è un sogno, viverla, un’avventura unica. Per tutti e per tutto il mondo.
La Thuile esalta Luca Braidot e Martina Berta Il friulano e Giada Specia nuovi campioni di IIS
Con il gran finale di La Thuile, sabato 25 giugno si è conclusa la stagione 2022 di Internazionali d’Italia Series, il più importante circuito italiano di Cross Country MTB, che anche quest’anno ha offerto gare e protagonisti ai massimi livelli della disciplina a livello mondiale negli appuntamenti di San Zeno di Montagna, Nalles e Capoliveri, fino alla conclusione in Valle d’Aosta.
L’iridata Richards torna in Italia: a La Thuile per puntare al tris
Si va ormai delineando il campo dei rider e delle formazioni ai nastri di partenza di La Thuile MTB Race, la quinta e ultima tappa di Internazionali d’Italia Series. Sabato 25 giugno in Valle d’Aosta ci sarà anche la Campionessa del Mondo Evie Richards, che a La Thuile in questi anni ha fatto percorso netto, dominando entrambe le edizioni fin qui disputate di un evento che quest’anno ha conquistato la categoria UCI HC.
Dolomitica 2022. Vi presentiamo i favoriti
L’emozione della vigilia di un Mondiale ha un nome, anzi dei nomi. Vediamo quali sono quelli da seguire e … inseguire domani a Pinzolo, sui percorsi della Dolomitica 2022 UCI Marathon Masters MTB World Championships.
Fruet presenta il finale di Valsugana Wild Ride: “Sentieri fantastici da veri biker”
Non sempre la discesa è la parte più facile di un percorso. Chi è abituato a macinare chilometri in mountain bike lo sa: molto spesso dopo la salita si nascondono le insidie di un tratto veloce e tecnico che può fare davvero la differenza.


Altre Notizie »