Mythos Primiero Dolomiti

Medvedev fa il vuoto alla Mythos Primiero Dolomiti

,



Miglior esordio non poteva esserci. La Mythos Primiero Dolomiti entra subito nel novero delle grandi classiche Marathon con un’edizione d’esordio da leccarsi i baffi.

Tempo ideale nella Valle di Primiero per la manifestazione che prevedeva le sue partenze da Fiera di Primiero per il percorso lungo e da San Martino di Castrozza per il medio con un’autentica invasione di biker che non hanno pensato solo alla gara, ma hanno profittato dell’occasione per un ultimo weekend di sport e vacanza, molti pensando anche a domani, all’appendice riservata ai più piccoli.

La prima edizione della corsa, su 84 km per 3.200 metri, inaugura il suo albo d’oro con un nome di altissimo pregio, quello dell’ex campione europeo della specialità, il russo Aleksey Medvedev. Il portacolori della Soudal Lee Cougan ha sfruttato al meglio anche il lavoro dei compagni, il team questa volta si è dimostrato nettamente superiore agli avversari ed ha concluso la gara in assoluta solitudine, in 4h03’02” proseguendo nella sua striscia vincente che solo 6 giorni prima l’aveva visto trionfare alla Soprazocco Bike. A completare la grande giornata della Soudal Leecougan il secondo posto di Jacopo Billi, sorpresa relativa per la terza piazza di Domenico Valerio (KTM Protek Elettrosystem), giunto a 5’52”, ma va detto che i due sono stati gli unici a mantenere il distacco sotto i 10 minuti a testimonianza dello strapotere del russo.
Podio Donne
Podio Donne
Grande prestazione fra le donne per la giovanissima Giada Specia (KTM Protek Elettrosystem), ennesima dimostrazione di come le specialiste del cross country possano emergere anche nelle Marathon. In 5h03’45” la Specia ha preceduto di 3’19” la triathleta e biker Sandra Mairhofer (RDR Pedale Leynicese), terza la vicecampionessa italiana Debora Piana (Team Cingolani) a 4’03”.

Spettacolo nel percorso classic, di 54 km per 1.660 metri con arrivo in coppia per Andrea Zamboni (Carina Brao Caffè) e Simone Pintarelli (Pol.Bernstol) in 2h32’22”, classificati nell’ordine. Terza posizione per il tedesco Sven Magdefessel (Wilier Force Germany) a 6’01”, in campo femminile prima piazza per Giulia Pol (Gus Bike Team) in 3h35’33” davanti a Carolina Pozzi (Alta Valtellina Bike) a 5’26” e a Chiara Gastaldi (Bombardier) a 7’50”.

Ennesima scommessa vinta per l’Acd Pedali di Marca (che ricordiamo ha allestito per due volte i Mondiali di specialità), grazie anche all’aiuto dell’Amministrazione Comunale di Fiera di Primiero e San Martino di Castrozza, senza dimenticare la collaborazione dell’Us Primiero e delle associazioni locali, fondamentali nella gestione di tutti i servizi e del percorso, ma c’è un numero che più degli altri rende l’idea del grande lavoro: oltre 400 volontari impegnati per tutta la giornata. L’avventura della Mythos Primiero Dolomiti è appena cominciata…
Medvedev fa il vuoto alla Mythos Primiero Dolomiti
2442 visualizzazioni


Ultimi Aggiornamenti

A Moschiano cresce l’attesa per il battesimo della nuova Moschiano Race Marathon
Nonostante qualche piccola difficoltà, procede a pieno ritmo l’allestimento e la preparazione della Moschiano Race Marathon che, per questa edizione, vedrà un imponente sforzo organizzativo da parte della Moschiano Mtb Adventure.
Italia sull’Olimpo, anzi, sull’Olympia. Marzio Deho campione del mondo assoluto. Andrea Righettini e Stefano Dal Grande vincitori della Dolomitica Marathon
ulla linea di partenza della Pineta, nella mattinata di oggi, sabato 25 giugno, c’era il mondo. Trenta nazioni rappresentate, 800 i partenti.In palio c’era la maglia iridata per la categorie master mtb, quella maglia dal fascino irresistibile: indossarla è un sogno, viverla, un’avventura unica. Per tutti e per tutto il mondo.
La Thuile esalta Luca Braidot e Martina Berta Il friulano e Giada Specia nuovi campioni di IIS
Con il gran finale di La Thuile, sabato 25 giugno si è conclusa la stagione 2022 di Internazionali d’Italia Series, il più importante circuito italiano di Cross Country MTB, che anche quest’anno ha offerto gare e protagonisti ai massimi livelli della disciplina a livello mondiale negli appuntamenti di San Zeno di Montagna, Nalles e Capoliveri, fino alla conclusione in Valle d’Aosta.
L’iridata Richards torna in Italia: a La Thuile per puntare al tris
Si va ormai delineando il campo dei rider e delle formazioni ai nastri di partenza di La Thuile MTB Race, la quinta e ultima tappa di Internazionali d’Italia Series. Sabato 25 giugno in Valle d’Aosta ci sarà anche la Campionessa del Mondo Evie Richards, che a La Thuile in questi anni ha fatto percorso netto, dominando entrambe le edizioni fin qui disputate di un evento che quest’anno ha conquistato la categoria UCI HC.
Dolomitica 2022. Vi presentiamo i favoriti
L’emozione della vigilia di un Mondiale ha un nome, anzi dei nomi. Vediamo quali sono quelli da seguire e … inseguire domani a Pinzolo, sui percorsi della Dolomitica 2022 UCI Marathon Masters MTB World Championships.
Fruet presenta il finale di Valsugana Wild Ride: “Sentieri fantastici da veri biker”
Non sempre la discesa è la parte più facile di un percorso. Chi è abituato a macinare chilometri in mountain bike lo sa: molto spesso dopo la salita si nascondono le insidie di un tratto veloce e tecnico che può fare davvero la differenza.


Altre Notizie »