Granfondo Puglia

8° Mediofondo Bosco Difesa Grande, il racconto di una giornata di festa su due ruote

,


300 partecipanti (220 sul percorso agonistico) per celebrare l’immutato affetto al Bosco. Vittorie di Marco Larossa e Ilenia Matilde Fulgido


Squadra che vince non si cambia. E questo l’ASD Team Amicinbici Losacco Bike lo sa benissimo, da 8 anni è sempre la consueta compagina gravinese affiatata, gli stessi volti, le stesse energie, i medesimi entusiasmi a trasformare in realtà ogni edizione della Mediofondo Bosco Difesa Grande.

Ciò che può cambiare, talvolta, è il percorso o la logistica, specialmente se condizionato da cause di forza maggiore. Il grande incendio del luglio 2021 aveva seriamente messo a rischio quel paradiso che è il Bosco Difesa Grande di Gravina in Puglia e molti dei sentieri tradizionali della corsa ciclistica, disputata da sempre sotto l’egida della Federazione Ciclistica Italiana non saranno più percorribili per qualche anno.
Così, per questa ottava edizione, si è operata una rivoluzione nel tracciato, a cominciare dalla partenza e arrivo ospitate dalla Cantina “Colli della Murgia” per completarsi in numerosi scorsi del tutto inediti, sia all’interno che all’esterno del bosco.

Una novità che, a ben vedere, è stata gradita dai 300 partecipanti complessivi (220 per la corsa agonistica di 45 km e 80 per l’escursionistica di 22 km) e che ha riservato notevoli spunti sia sotto l’aspetto agonistico che simbolico.
Plauso agli organizzatori rivolto anche dal Coordinatore della Mountain Bike in seno al Comitato Regionale Pugliese della Federazione Ciclistica, Mimmo Del Vecchio: Percorso molto suggestivo, passare dalle basi missilistiche degli anni della Guerra
Fredda proprio in questi giorni ha fatto venire i brividi e ci ha caricati di suggestione. Strappi duri, organizzazione perfetta, incroci controllati bene, un mix per tutti i gusti per assecondare tutte le inclinazioni dei singoli atleti. Questo è un appuntamento storico, nonostante il tempo incerto e le concomitanze di altri eventi importanti ha portato a casa un ottimo risultato, segno che la Mediofondo Bosco Difesa Grande è sempre un evento cerchiato in rosso sul calendario dei ciclisti appassionati
.

LA CRONACA DI GARA – Il grande protagonista della gara, il tranese Marco Larossa, ha preso il volo “pronti via”, prima ancora di transitare dalle rampe di lancio dell’ex suggestiva base dei missili Jupiter, attraversata dalla carovana della corsa con lo scopo simbolico di colorare con la cromia della pace un luogo che ricorda la stupidità delle guerre. Quelle combattute per le armi, almeno, perché quelle agonistiche, in sella a una bicicletta, sono da vivere sino in fondo: lo hanno dimostrato gli inseguitori, un gruppetto composto per tutta la gara da Giandomenico Martellotta, Antonio Notarpietro, Michele Diaferia e Giacomo Scardigno che non si è mai lasciato intimorire e per un breve tratto ha anche finalizzato l’inseguimento (Martellotta ha infatti raggiunto Larossa dopo lo scollinamento della salita principe di giornata, salvo poi perdere contatto dal vincitore nelle fasi finali di corsa).

Sul traguardo Marco Larossa ha chiuso l’impresa di giornata bloccando i cronometri in 1 ora 38 minuti e 36 secondi, all’ottima quanto insolita media (per la mountain bike) di 27,38 km/h.
Completano il podio Martellotta (Team Preview Sei Sport, a 28”) e Notarpietro (New Bike Andria, a 2’05”).
Prima delle ragazze, che ancora purtroppo soffrono di bassissimi numeri alla partenza, la tenace lucana Ilenia Matilde Fulgido (Ciclo Team Valnoce, in 2h:01’20” alla media di 22,25 Km/h).

La grande festa del podio si è completata con le premiazioni delle singole categorie per fascia d’età, che hanno visto primeggiare:
JUNIORES -  Andrea Sicuro (A.S.D. Scuola di Ciclismo Tugliese-Salentino)
OPEN (UNDER 23/ELITE) – Arturo Pegna (ASD V.C. Aran Cucine)
DONNE ELITE – Ilenia Matilde Fulgido (ASD Ciclo Team Valnoce)
JUNIOR MASTER SPORT (17-18 anni) - Dario Pisicchio (Team 7zerozero33)
ELITE MASTER SPORT (19-29 anni) – Marco Larossa (Team Larossa)
MASTER 1 (30-34) – Giacomo Scardigno (Team All Bike Ruvo di Puglia)
MASTER 2 (35-39) – Antonio Notarpietro (New Bike Andria)
MASTER 3 (40-44) - Giandomenico Martellotta (Team Preview Sei Sport)
MASTER 4 (45-49) - Davide Catalano (A.S.D. 20 Miglia Team)
MASTER 5 (50-54) - Raffaele Minutiello (ASD Team Bike Spinazzola)
MASTER 6 (55-59) – Luciano De Donno (Maglie Bike ASD)
MASTER 7 (60-64) – Donato Fortunato (SC Casamassima)
MASTER 8 (over 65) – Tommaso Barbaro (G.S.C. Baser Dilettantistico)
MASTER WOMEN - Daniela D'Alessandro (A.S.D. Bike Space)

LO SCALATORE PIÙ RAPIDO – La salita principe di giornata, i 3,5 km de l’Annunziata, caratterizzati da 235 metri di dislivello, pendenza media del 6,4 % con punte massime del 13,5 % (coefficiente di difficoltà 47), è stata percorsa nel minor tempo dall’atleta Giandomenico Martellotta che ha scollinato bloccando i cronometri in 12’36” alla media di 16,3 km/h e aggiudicandosi il KOM (“King of the Mountain”) registrato dalla nota app ciclistica “Strava” con un premio speciale da parte dell’ASD Amicinbici Losacco Bike.

I RINGRAZIAMENTI - Il Bosco Difesa Grande rivive animato dalle vostre pedalate commentano esausti ma felici i fratelli Losacco - Abbiamo appena chiuso il sipario sull'edizione numero 8, quella della rinascita, della Mediofondo Bosco Difesa Grande. Siete stati in tantissimi a fidarvi di noi su un percorso del tutto rinnovato, che avete apprezzato rendendolo affascinante e divertente. Perché il ciclismo insegna che la gara, in fondo, la fanno solo i corridori e voi siete stati fantastici.
Con la vostra presenza avete onorato l'Asd Team Amicinbici Gravina e la Città di Gravina in Puglia, siamo già pronti per proporvi la nona edizione. Un Grazie grande quanto tutto il bosco all'azienda agricola Cantina Colli della Murgia per l'ospitalità d'eccezione e a tutti i partner che ci hanno sostenuto in questa avventura. In particolare desideriamo tributare tutta la nostra riconoscenza a una grandissima squadra che a più livelli ha contribuito al felice esito dell'evento. Ringraziamo quindi l'Amministrazione Comunale, il Commissario Prefettizio Rossana Riflesso, l'ing. Onofrio Tragni, l'avv. Vito Spano, Il Comando Polizia Municipale, il Commissariato di Polizia di Stato, tutte le Associazioni che ci hanno supportato e...non certo ultimi tutti i soci della FAMIGLIA Team Amicinbici Gravina.


Vi aspettiamo nel 2023 per la 9° Mediofondo Bosco Difesa Grande.
 
8° Mediofondo Bosco Difesa Grande, il racconto di una giornata di festa su due ruote
11543 visualizzazioni


Ultimi Aggiornamenti

A Colliano, le premiazioni finali del TPN
All’ultima tappa del TPN in Campania, prevista l’8 Settembre a Colliano (SA) con la Marathon dei Monti Eremita e Marzano, sono previste le premiazioni finali
I ragazzi della Borbonica Cup agli Europei Youth XCO di Huskvarna
Anche per l'edizione 2024 la Borbonica Cup parteciperà ai Campionati Europei Youth con ben 4 formazioni, di cui 2 dedicate agli esordienti e 2 dedicate agli allievi.
Sila Epic 2024, il video finale ufficiale
Video ufficiale della Sila Epic Mtb Marathon 2024
Uno spettacolo targato Sila EPIC
Una delle gare più dure d'Italia, un su e giù nel parco nazionale della Sila tra paesaggi incantati, calati nelle fiabe della Disney. In Sila ci sono i lupi, buoni ma assai riservati, e poi ci si sono anche i simpatici scottaioli, meno riservati, che si lanciano senza paura da un Gigante all'altro... tanto se il salto va male è la lunga coda a fargli da paracadute.
Walter Vaglio:storica conquista della maglia tricolore per un pugliese nella mountain bike XCO
Per la prima volta nella storia della mountain bike pugliese, un atleta ha avuto l’onore di salire fino al gradino più alto del podio del campionato italiano cross country che ha avuto luogo a Gorizia (parco Piuma) con 520 partenti da tutta Italia tra esordienti e allievi
Grandi risultati alla sesta prova di Brixia Adventure MTB Progetto 6
Le previsioni meteo avevano fatto preoccupare i candidati partecipanti a quella che è una delle tappe di circuito più attese ed apprezzate di stagione. Matteo Pedrazzani, in un video, aveva subito dichiarato che senza un bollettino di allerta da parte della Protezione Civile la gara si sarebbe svolta regolarmente, studiando eventualmente delle varianti per la messa in sicurezza.


Altre Notizie »