Valsugana Wild Ride

La mountain bike dopo la tempesta: la Valsugana riscopre la sua anima wild

,
photo credits ©Daniele Mosna


Nuova annata, nuovo nome: Valsugana Wild Ride esprime il nuovo carattere della ex 3T Bike, che punta a riscoprire l’anima più selvaggia e adrenalinica dei trail liberati dalle drammatiche conseguenze della tempesta Vaia


Valsugana Wild RideRipartire con la stessa passione, e con un’anima nuova: è questa la sfida che ha abbracciato Valsugana Wild Ride, l’evento Marathon che ha raccolto l’eredità della 3T Bike e che il prossimo sabato 30 Luglio si prepara a riportare centinaia di atleti, professionisti e amatori, a confrontarsi sui trail più belli ed emozionanti della Valsugana.

L’evento organizzato da GS Lagorai Bike in sinergia con i comuni di Telve, Telve di Sopra, Torcegno e Carzano e l’APT Valsugana, inserito per la quattordicesima stagione nel circuito Trentino MTB, porta avanti la tradizione di un team rodato da esperienze organizzative ad ogni livello, ma quel cambio di nome è decisamente più di un capriccio di stile: è l’espressione di una discontinuità e del desiderio di evolversi verso una nuova strada, ancora più legata al marketing territoriale.

La Valsugana, territorio del Trentino orientale che si estende a est del capoluogo Trento fino al confine con il Veneto, è da sempre terra di ciclismo: su strada, con grandi salite come Passo Manghen, Panarotta-Vetriolo e Menador, quest’ultimo atteso protagonista del prossimo Giro d’Italia, e naturalmente in Mountain Bike, con un’offerta di trail e itinerari ricchissima in quantità e varietà.

A fine 2018, tuttavia, proprio la Valsugana fu uno dei territori più colpiti dalla tempesta Vaia, lo spaventoso evento meteorologico che provocò la perdita di milioni di alberi, la distruzione di intere foreste e ingenti danni a strutture e reti viarie.

Vaia ha lasciato un segno profondo sul nostro territorio, un segno che anche gli affezionati del nostro evento hanno percepito, racconta Enrico D’Aquilio, Presidente del GS Lagorai Bike. Purtroppo la tempesta ha danneggiato e reso impraticabili molti trail, mulattiere e strade forestali su cui transitava la nostra gara, costringendoci dopo il 2018 a cambiare circa il 50% del percorso, e dovendo adottare diversi tratti di raccordo in asfalto.

Il team organizzativo non è però rimasto a guardare: Nei mesi e anni, successivi al disastro, il nostro team di lavoro con i molti volontari accorsi, ha collaborato con i Comuni, con il Distretto Forestale, con la SAT, e diverse associazioni di volontariato, contribuendo alla pulizia e al recupero di questi storici sentieri, molti dei quali sono tornati oggi transitabili, e faranno parte dei percorsi il prossimo 30 Luglio. Dopo l’incubo Vaia, da quest’anno ritroveremo il nostro lato più ‘wild’: anche per questo, era il momento perfetto per rinnovarci e rilanciarci con un nuovo nome.

Ci sarà la Valsugana al suo meglio, fra torrenti, laghi, malghe e panorami da sogno, ad attendere gli atleti a Telve (TN) il prossimo 30 Luglio. Due i percorsi disponibili: 62,3 km e 2.950 metri di dislivello per la gara Marathon, 31,8 km e 1.280 metri di dislivello per la gara Classic.

A fianco delle due gare, Valsugana Wild Ride proporrà anche la “Fun&Ride”, una pedalata non competitiva e aperta a tutti. Perché del nuovo volto “Wild” della Valsugana si può godere anche senza fretta.

La domenica precedente l’evento si svolgerà per la seconda volta sul tracciato classic della gara una pedalata enogastronomica-turistica, aperta anche alle e-Bike, guidata dagli insegnanti di MTB del gruppo sportivo. Un’occasione in più per presentare le bellezze del territorio, i suoi prodotti e la sua offerta turistica.

Valsugana Wild Ride è una gara iscritta al Calendario Nazionale FCI. Per ulteriori informazioni e iscrizioni: valsuganawildride.it.
La mountain bike dopo la tempesta: la Valsugana riscopre la sua anima wild
photo credits Daniele Mosna
6210 visualizzazioni


Ultimi Aggiornamenti

Cresce l'attesa per gli Stati Generali della Ciclovia dei Parchi
Due momenti di confronto e approfondimento sul mercato turistico per costruire un piano d'azione e irrobustire le buone pratiche con stakeholders e operatori del settore. Sono questi il cuore pulsante e strategico dell'edizione 2024 del Pollino Bike Festival, in programma da domani 14 giugno fino a domenica 16 a Catasta.
La Ciclovia dei Parchi in Calabria entra in EuroVelo 7
I 545 km della Ciclovia dei Parchi in Calabria sono entrati a fare parte di EuroVelo 7, ovvero la Ciclovia del Sole (Sun Route) che collega Capo Nord a Malta con un itinerario di 7.650 km attraverso 9 paesi europei, di cui 2000 km si trovano in territorio italiano, da San Candido in Alto Adige alla Sicilia. L’iniziativa parte da FIAB-Federazione Italiana Ambiente e Bicicletta, Coordinatore Nazionale EuroVelo in Italia dal 2011, che - in accordo con la Regione Calabria - ne aveva proposto la candidatura.
Tre percorsi per innamorarsi del Pollino
Si daranno battaglie a suon di pedalate i 450 bikers in arrivo sul Pollino per la decima edizione della Marathon degli Aragonesi, la gara in Mountain bike inserita nel calendario ufficiale del Trofeo dei parchi naturali, organizzata dall’Asd Ciclistica Castrovillari
Prima edizione dei Mondiali UCI di Enduro e E-enduro di MTB in Val di Fassa
L'Union Cycliste Internationale (UCI) e Warner Bros. Discovery sono lieti di annunciare che la prima edizione dei Campionati Mondiali UCI di Enduro e E-enduro di Mountain Bike si terrà quest'anno a Val di Fassa Trentino, Italia, il 14 e 15 settembre.
Torna l’XC Città di Modica, appuntamento il 16 giugno
Giorni frenetici per il Revolution Bike di Modica (RG), la società ragusana da anni in primo piano non solo come risultati, ma anche come organizzazione di eventi e promozione dell’attività offroad.
Bilancio più che positivo per l'italiano Marathon
Al sud si sta da Dio, mi sono trovata molto bene, gente cordiale, posti stupendi. Basterebbero queste parole a raccontare quello che è stato per i bikers il campionato italiano andato in scena questa Domenica a Letojanni, in Sicilia


Altre Notizie »