Trofeo dei Parchi Naturali

I Rolling Bike davanti a tutti nel paradiso della mountain bike

,
photo credits ©Antonio Caggiano - bikerounder.com



Trofeo dei Parchi NaturaliI single track si insinuano tra due file strettissime di corbezzolo e biancospino, gli occhi dei bikers sono più concentrati che mai: lo spettacolo della riserva naturale del Bosco delle Pianelle solletica la mente dei bikers ma alla prima distrazione sa anche graffiare e lasciare i segni.

Questa prima domenica di aprile a Martina Franca (TA), seconda stagionale del Trofeo dei Parchi Naturali, è andato in scena il grande spettacolo della mountain bike: sessanta chilometri di pura emozione e adrenalina, disegnati e diretti, alla perfezione, dall’ASD Team Bike Martina Franca.

Dalla meravigliosa location del Parco delle Querce un lungo serpentone di settecento atleti inizia la sua entusiasmante scorribanda in questo piccolo angolo di paradiso nel cuore della Puglia.
I primi otto chilometri sono in leggera salita, i bikers di testa tirano subito il collo al gruppo che pian piano si allunga. Al primo single track in discesa, quello della lavatrice (come ribattezzato dai bikers locali), la strada si stringe e i più forti si fanno trovare nelle primissime posizioni di testa per evitare l’inevitabile imbottigliamento che oltre a far perdere secondi importanti può far scappar via le ruote giuste.
Marathon Bosco delle Pianelle 2022
foto by Antonio Caggiano - bikerounder.com
La gara entra subito nel vivo: la mulattiera con lastroni di roccia, gradini e pietre smosse richiede tecnica e padronanza del mezzo, impossibile sorpassare e fondamentale lasciare qualche metro di sicurezza dalle ruote degli avversari: un leitmotiv che si ripresenterà spesso durante la gara.

Al termine della prima discesa Colonna, già vincitore della scorsa edizione, prende le redini della gara assieme a Pugliese e Semeraro. Il percorso è insidioso, basta una distrazione per finire con le ruote sulle rocce più appuntite. Il primo a farne le spese è Semeraro che al 12esimo chilometro taglia il copertone e perde quei sette-otto minuti che lo costringono ad abbandonare ogni ambizione di vittoria.
Al termine del primo scollinamento il calabrese D’Amico è bravo a riportarsi sul duo di testa. Dopo un po' anche Vigoroso riesce a rientrare nel gruppo formando un gruppetto di quattro bikers al comando. Alle loro spalle inseguono a tutta, con il cuore in gola: Mignoli, Martellotta, Adriano, Clemente e Monteleone.
Marathon Bosco delle Pianelle 2022
foto by Antonio Caggiano - bikerounder.com
Non bastassero le insidie del percorso anche le bici, sempre più tecnologiche, tirano brutti scherzi: a oltre quaranta dal traguardo il cambio elettronico di Colonna smette di fare il suo dovere costringendo il biker di Altamura a spingere fino al termine della gara il pignone più piccolo, a 12 denti, e a caricare la bici in spalla nei tratti dove il 36x12 diventa davvero troppo proibitivo.

Il tracciato del Bosco delle Pianelle piace e diverte alternando senza soluzione di continuità single track, vialoni da spingere a tutta, discese che richiedono il pelo sullo stomaco se affrontate a tutta velocità e salite, brevi e mai ripide, da guidare sempre.
Intorno a metà gara Pugliese perde qualche metro dal gruppo di testa e poco più avanti è D’Amico a dover salutare la compagnia a causa di un taglio sulla spalla del copertone.

In testa rimangono i due atleti del team Rolling Bike: Colonna e Vigoroso. I due, ormai imprendibili, fanno gioco di squadra fin sulla linea del traguardo dove Colonna festeggia con una vittoria il suo trentacinquesimo compleanno.
Terzo, staccato di 3 minuti e 31 secondi, Pugliese.

Tra le donne è ancora l’atleta del Rionero il Velocifero Mara Parisi a mettere le sue ruote davanti a tutte.
Alle sue spalle Daniela Fontanarosa staccata 3 minuti e 27 secondi, terza Anna Ciccone staccata di 6 minuti e 45 secondi.

RISULTATI
 

Marathon    295 classificati

1 COLONNA PAOLO EL A.S.D. ROLLING BIKE
2 VIGOROSO ANTONIO EL A.S.D. ROLLING BIKE
3 PUGLIESE NICOLA M2 TEAM ERACLE
4 MIGNOLI FRANCESCO M1 A.S.D. BIKE & SPORT TEAM
5 MARTELLOTTA GIANDOMENICO M3 TEAM PREVIEW SEI SPORT
6 LUCIANO ADRIANO M1 CPS PROFESSIONAL TEAM
7 CLEMENTE FRANCESCO M1 ASD CICLISTICA OLIVETO CITRA
8 MONTELEONE GIANFRANCO M4 A.S.D. BIKE 1275
9 DELLA ROCCA GIUSEPPE ELMT ASD GENESY BIKE
10 SEMERARO ROBERTO ELMT TEAM ERACLE

Granfondo    269 classificati

1 SICURO ANDREA JU SCUOLA CICL.TUGLIESE V. NIBALI
2 MONACO DANIELE M2 ASD TRE CYCLING
3 ROCCHETTI ANDREA JU PRO.GI.T. CYCLING TEAM
4 RIZZERI FRANCESCO JU A.S.D. BIKE 1275
5 IANNELLO SEBASTIANO M3 TEAM BIKE NOTO SALVATORE RAMETTA
6 ALEMANNO LUIGI JU SCUOLA CICL.TUGLIESE V. NIBALI
7 MOTTA MARCO M2 A.S.D. BIKE 1275
8 SANSEVIERO FRANCESCO M1 ASD BIKE IN TOUR VALLO DI DIANO
9 CARRER LUIGI M5 ASD TEAM EUROBIKE
10 CASALI ANTONINO M4 MTB MELITO
tutte le foto dell'evento sono disponibili su www.bikerounder.com
I Rolling Bike davanti a tutti nel paradiso della mountain bike
photo credits Antonio Caggiano - bikerounder.com
4006 visualizzazioni


Ultimi Aggiornamenti

Braidot sogna l’apoteosi in Val di Sole: Obiettivo Coppa del Mondo
Il friulano portacolori del Team Santa Cruz-FSA sarà l’azzurro più atteso ai nastri di partenza del gran finale di Coppa del Mondo in Val di Sole (2-4 settembre), forte dei due successi di fila conquistati nel mese di luglio, a Lenzerheide e Andorra.
Young Guns
Quattro promesse della Mountain Bike italiana si raccontano in un'intervista esclusiva. Guarda ora il video con Giada Specia, Simone Avondetto, Filippo Fontana e Andreas Vittone.
Coppa del Mondo MTB 2023: Val di Sole in calendario dal 30 giugno al 2 luglio
La grande classica italiana di Coppa del Mondo UCI di Mountain Bike regalerà spettacolo agli appassionati anche nel 2023. Nel calendario del massimo circuito mondiale, che dalla prossima stagione passerà alla gestione di ESO Sport – Warner Bros Discovery, c’è anche il grande appuntamento di Val di Sole, che nel 2023 si svolgerà dal 30 giugno al 2 luglio.
X-Legend: l’evento dell’anno si corre il 23 ottobre
Mancano circa due mesi e mezzo alla Castro Legend Cup, la finalissima tra i Trofei d’Italia. La festa della mountain bike nel Tacco più chic del Belpaese.
Sila EPIC : importanti variazioni sul regolamento
A rettifica di quanto espresso nel regolamento, riteniamo opportuno effettuare alcune variazioni.
Saitta ci prende gusto
La gara organizzata da Luciano Forlenza e dal suo team Bike & Sport è stata impegnativa, a differenza di quanto potevano raccontare i crudi dati tecnici: 42km e 1400m di dislivello.


Altre Notizie »