Gravel

La Ronda Fiandre Trevigiane: sempre una conferma per tutti gli appassionati

,
photo credits ©Alessandro Billiani - video a cura di MTBgranfondo


Circa un migliaio i partenti. Il tandem Panighel&De Marchi ha dato valore aggiunto all'evento


Domenica scorsa, sveglia di buon'ora per circa un migliaio di ciclisti che si sono ritrovati a Conegliano per la conquista della 4a edizione de La Ronda Fiandre Trevigiane, la Classica del Nord(Est)

Cento chilometri con una luce che ha reso ancora più spettacolare lo scenario delle Colline Patrimonio dell'UNESCO. Tra i partenti anche Roger De Vlaeminck assieme all'amico ed ex compagno di squadra Simone Fraccaro. Ad accompagnare Monsiuer Rubaix c'era anche il campione del mondo Mtb Marathon 2004 Massimo De Bertolis.

La partenza si è svolta nella spettacolare Piazza Cima dove i ciclisti sono stati salutati dai coneglianesi che hanno accolto con piacevole sorpresa la “strana” novità. Molto partecipe all'evento anche l'amministrazione comunale che ha intuito fin da subito il potenziale turistico del movimento gravel.

I più allenati hanno impiegato poco più di quattro ore a completare il percorso. All'arrivo erano però molto soddisfatti perché si sono goduti uno scenario unico che li ha accompagnati dall'inizio alla fine. Per tutti gli altri invece è stato soprattutto un gran divertimento e un momento di socializzazione e, perché no, di sane risate. Proprio lo spirito con cui è nata La Ronda!

Pedali di Marca per la prima volta ha dato il suo contributo a rendere più strutturata La Ronda, senza scalfirne l'anima allegra e leggera con cui è stata creata da Stefano De Marchi.

Alla domanda qual è stata la cosa più bella dei 100 Km percorsi, la risposta era unanime: l'incantevole scenario reso ancora più magico dalle prealpi imbiancate da una bizzarra neve primaverile. E soprattutto le strade bianche, i muri e il pavé delle Fiandre Trevigiane.

Per tutti all'arrivo una piacevolissima sorpresa a ricordo dell'evento: un pezzetto di pavé dipinto di giallo da Bepi l'artigiano che ha lavorato molte settimane per completare 1.000 pavé!

Grazie a tutti e appuntamento all'anno prossimo con sempre insolite e divertenti novità.

Taccuino:
Organizzazione Asd Pedali di Marca.
Partenza libera (alla francese) dal centro di Conegliano
Scelta libera della bicicletta (bici da corsa, gravel, mtb, e-bike).
Percorso rinnovato come da tradizione: 100km, 1400m+, 18 muri, 22 sterrati, 20km strada bianca. Il percorso non è segnalato ma da scoprire seguendo la traccia GPS che verrà fornita agli iscritti qualche giorno prima dell’evento

Video a cura di MTBGranfondo
 
1527 visualizzazioni


Ultimi Aggiornamenti

Braidot sogna l’apoteosi in Val di Sole: Obiettivo Coppa del Mondo
Il friulano portacolori del Team Santa Cruz-FSA sarà l’azzurro più atteso ai nastri di partenza del gran finale di Coppa del Mondo in Val di Sole (2-4 settembre), forte dei due successi di fila conquistati nel mese di luglio, a Lenzerheide e Andorra.
Young Guns
Quattro promesse della Mountain Bike italiana si raccontano in un'intervista esclusiva. Guarda ora il video con Giada Specia, Simone Avondetto, Filippo Fontana e Andreas Vittone.
Coppa del Mondo MTB 2023: Val di Sole in calendario dal 30 giugno al 2 luglio
La grande classica italiana di Coppa del Mondo UCI di Mountain Bike regalerà spettacolo agli appassionati anche nel 2023. Nel calendario del massimo circuito mondiale, che dalla prossima stagione passerà alla gestione di ESO Sport – Warner Bros Discovery, c’è anche il grande appuntamento di Val di Sole, che nel 2023 si svolgerà dal 30 giugno al 2 luglio.
X-Legend: l’evento dell’anno si corre il 23 ottobre
Mancano circa due mesi e mezzo alla Castro Legend Cup, la finalissima tra i Trofei d’Italia. La festa della mountain bike nel Tacco più chic del Belpaese.
Sila EPIC : importanti variazioni sul regolamento
A rettifica di quanto espresso nel regolamento, riteniamo opportuno effettuare alcune variazioni.
Saitta ci prende gusto
La gara organizzata da Luciano Forlenza e dal suo team Bike & Sport è stata impegnativa, a differenza di quanto potevano raccontare i crudi dati tecnici: 42km e 1400m di dislivello.


Altre Notizie »