Italia Bike Cup

Santoporo XC, i vincitori delle prove giovanili

,



Italia Bike CupDopo la sbornia di emozioni del sabato con i grandi campioni dell’Italia Bike Cup al via del Santoporo XC, Esanatoglia ha vissuto la sua seconda giornata dedicata alle mountain bike con le sfide valide per le competizioni nazionali riservate alle categorie giovanili.

Vedere al via qualcosa come oltre 200 ragazzi fra le categorie Esordienti e Allievi, senza considerare i bambini delle categorie più piccole è stato uno spettacolo assoluto, ma va considerato anche che le gare marchigiane hanno avuto risvolti agonistici di rilievo, basti pensare al successo di Elisa Ferri (Olimpia Valdarnese) fra le Allieve 1° anno, considerando che stiamo parlando di una delle migliori esponenti nazionali sia della Mtb che del ciclocross, un autentico prospetto per il futuro.

Nelle altre categorie questi sono stati i vincitori: Filippo Cingolani (Team Cingolani/ES1), Vincenzo Carosi (Race Mountain Folcarelli/ES2), Gabriele Angelo Ronzoni (Gs Borgonuovo/AL1), Morgan Dubini (Superbike Bravi Platforms Team, la società organizzatrice/AL2), Nicoletta Brandi (Elba Bike/ED1), Elisa Bianchi (Velo Montrone/ED2), Giulia Rinaldini (Pol.Morrovallese/DA2).

Il Santoporo XC va quindi in archivio nella consapevolezza di aver fatto un deciso salto di qualità, grazie anche al sostegno dell’amministrazione comunale e della proprietà del Crossodromo Gina Libani Repetti, teatro di gara, ora famoso anche al di fuori degli stretti confini motoristici.
Fondamentali anche l’Asd Esatrail e Leopoldo Giordani che hanno proceduto al disegno dei percorsi del weekend.
Un grazie anche a tutti coloro, associazioni e sponsor, che hanno reso possibile l’effettuazione della manifestazione articolata su due giorni molto intensi, ma davvero felici.
Santoporo XC, i vincitori delle prove giovanili
1102 visualizzazioni


Ultimi Aggiornamenti

A Moschiano cresce l’attesa per il battesimo della nuova Moschiano Race Marathon
Nonostante qualche piccola difficoltà, procede a pieno ritmo l’allestimento e la preparazione della Moschiano Race Marathon che, per questa edizione, vedrà un imponente sforzo organizzativo da parte della Moschiano Mtb Adventure.
Italia sull’Olimpo, anzi, sull’Olympia. Marzio Deho campione del mondo assoluto. Andrea Righettini e Stefano Dal Grande vincitori della Dolomitica Marathon
ulla linea di partenza della Pineta, nella mattinata di oggi, sabato 25 giugno, c’era il mondo. Trenta nazioni rappresentate, 800 i partenti.In palio c’era la maglia iridata per la categorie master mtb, quella maglia dal fascino irresistibile: indossarla è un sogno, viverla, un’avventura unica. Per tutti e per tutto il mondo.
La Thuile esalta Luca Braidot e Martina Berta Il friulano e Giada Specia nuovi campioni di IIS
Con il gran finale di La Thuile, sabato 25 giugno si è conclusa la stagione 2022 di Internazionali d’Italia Series, il più importante circuito italiano di Cross Country MTB, che anche quest’anno ha offerto gare e protagonisti ai massimi livelli della disciplina a livello mondiale negli appuntamenti di San Zeno di Montagna, Nalles e Capoliveri, fino alla conclusione in Valle d’Aosta.
L’iridata Richards torna in Italia: a La Thuile per puntare al tris
Si va ormai delineando il campo dei rider e delle formazioni ai nastri di partenza di La Thuile MTB Race, la quinta e ultima tappa di Internazionali d’Italia Series. Sabato 25 giugno in Valle d’Aosta ci sarà anche la Campionessa del Mondo Evie Richards, che a La Thuile in questi anni ha fatto percorso netto, dominando entrambe le edizioni fin qui disputate di un evento che quest’anno ha conquistato la categoria UCI HC.
Dolomitica 2022. Vi presentiamo i favoriti
L’emozione della vigilia di un Mondiale ha un nome, anzi dei nomi. Vediamo quali sono quelli da seguire e … inseguire domani a Pinzolo, sui percorsi della Dolomitica 2022 UCI Marathon Masters MTB World Championships.
Fruet presenta il finale di Valsugana Wild Ride: “Sentieri fantastici da veri biker”
Non sempre la discesa è la parte più facile di un percorso. Chi è abituato a macinare chilometri in mountain bike lo sa: molto spesso dopo la salita si nascondono le insidie di un tratto veloce e tecnico che può fare davvero la differenza.


Altre Notizie »