Trofeo dei Parchi Naturali

Una Aspromarathon sul filo

,
photo credits ©Antonio Caggiano - bikerounder.com



Trofeo dei Parchi NaturaliUna città in festa: Il chilometro più bello d’Italia, il Lungomare Falcomatà, fin dalle prime ore del mattino è invaso da mountain bike tirate a lucido per affrontare i percorsi duri e mozzafiato del Parco Nazionale dell’Aspromonte. Ai nastri di partenza i migliori specialisti marathon nazionali nonché atleti provenienti da Malta, Svizzera e Colombia.

Da quota zero la gara è presto in salita.
Il giovane Fantinato, Hubbers-Polimedical, è il biker che si assume la responsabilità di tirare il collo e spezzare, fin da subito, il gruppo.
Dopo pochi chilometri di asfalto le mountain bike, ancor per poco splendenti, fanno un bagno tra le pozzanghere e i passaggi nel torrente, prima di completare la perfetta panatura con la sabbia dell’Aspromonte che si insinua per bene sulle catene e sui pignoni delle biciclette.
Il primo a scattare è il vice campione del mondo Diego Arias Cuervo, Hubbers-Polimedical, già due volte vincitore della prova calabrese organizzata al top dal team Rolling Bike, e secondo, lo scorso anno, dietro il compagno di squadra Leo Paez, che correva in maglia iridata.

Il piemontese Jacopo Billi, Scott Racing Team, è l’unico che riesce a tenere il ritmo del colombiano prima che un salto di catena gli fa perdere il ritmo e la ruota giusta.
La gara è in salita, una serie di tornanti fa guadagnare quota, da zero a mille, nello spettacolo del Parco Nazionale dell’Aspromonte in cui si alternano il verde dei boschi, e il marrone, secco, della terra bruciata dal sole.
Billi ripreso da Ragnoli, in ottimo stato di forma, aiuta il compagno a ricucire il distacco su Arias. Alle loro spalle lottano il siciliano Saitta, Cicli Taddei, i due compagni Fantinato e Bertone, e naturalmente i due padroni di casa: Colonna e Vigoroso.
Quest’ultimo è sfortunato quando in discesa dei sassi alzati dalla ruota di Bertone rompono la sua di ruota e lo costringono a perdere diversi minuti, decisivi, per riuscire a sostituirla.

Raggiunta la quota massima, da conquistare due volte, ora in discesa i biker possono, o meglio, potrebbero, godere della vista privilegiata sullo Stretto, sull’abitato di Reggio Calabria e sulla Sicilia. L’Etna e Stromboli da qui sembrano proprio a due passi.
Tecnica e adrenalinica, la discesa piace e mette paura, ma non è pericolosa. Paraboliche, curve a gomito, improvvisi cambi di pendenza, ripidissimi, di quelli che fanno salire l’intestino in gola. Si corre sul filo, sulla cresta della montagna, tra i fichi d’india e le spine, un souvenir dell’Aspromonte sempre in agguato.   

E’ proprio in discesa che il tre volte campione italiano, Ragnoli, riesce a ricucire il margine su Arias.
Ricomposto un duo di testa, gli atleti, di comune accordo, decidono di limitare i rischi, in vista di una stagione ancora lunga, e di giocarsi la sesta edizione della Aspromarathon in volata.
La prima ruota grassa a tagliare la linea del traguardo è quella di Ragnoli che la spunta per pochi centimetri su quella del colombiano.
Terzo, staccato di cinque minuti, Billi. Completano la top five i giovani Bertone e Saitta.
arrivo in volata tra Ragnoli - Arias Cuervo
arrivo in volata tra Ragnoli - Arias Cuervo
Tra le donne, la quattro volte campionessa italiana Marathon Elena Gaddoni, da quest’anno in forza al team Rolling Bike, ripaga l’attesa di vederla finalmente schierata in griglia in una prova del Trofeo dei Parchi Naturali.
Vince, convince e mette alle sue spalle la leader del TPN, Mara Parisi, Velocifero Rionero, e la maltese Marie Claire Aquilina, Team Greens.
Single track in discesa
Single track in discesa

Conquistato l’Aspromonte la carovana colorata del Trofeo dei Parchi Naturali si prepara a sfidare l’Imperticata, salita simbolo della challenge più longeva d’Italia, del Pollino calabrese, e della Marathon degli Aragonesi.
Il prossimo 5 Giugno tutti a Castrovillari (CS).
 

Marathon    125 classificati

1 RAGNOLI JURI EL SCOTT RACING TEAM
2 ARIAS CUERVO DIEGO ALFONSO EL HUBBERS - POLIMEDICAL
3 BILLI JACOPO EL SCOTT RACING TEAM
4 BERTONE FILIPPO EL HUBBERS - POLIMEDICAL
5 SAITTA VINCENZO UN A.S.D. CICLI TADDEI
6 FANTINATO KEVIN EL HUBBERS - POLIMEDICAL
7 FARNISI MIRKO EL SPECIAL BIKERS ELIOS TEAM
8 VIGOROSO ANTONIO EL A.S.D. ROLLING BIKE
9 COLONNA PAOLO EL A.S.D. ROLLING BIKE
10 PARISI ANGELO M2 A.S.D. BIKE 1275

vai ai risultati

Granfondo    214 classificati

1 PATTI PAOLO M1 ASD PIANOPOLI BIKE TEAM
2 GRAZIANO ROSARIO M2 ASD SWATTATI TEAM CATANZARO
3 MORABITO EDOARDO VINCENZO ELMT TEAM SWORD
4 GIANNI CONCETTO M2 TEAM BIKE NOTO SALVATORE RAMETTA
5 MAZZULLO ANTONIO M5 MTB PALMI
6 CITTADINO GIUSEPPE M1 ASD PIANOPOLI BIKE TEAM
7 RIZZERI FRANCESCO JU A.S.D. BIKE 1275
8 GIANNI BIAGIO M2 ASD ETNA SPIRIT
9 MOTTA MARCO M2 A.S.D. BIKE 1275
10 RICHICHI GIUSEPPE M3 ASD CYCLING RHEGIUM TEAM

vai ai risultati

Una Aspromarathon sul filo
photo credits Antonio Caggiano - bikerounder.com
3343 visualizzazioni


Ultimi Aggiornamenti

A Moschiano cresce l’attesa per il battesimo della nuova Moschiano Race Marathon
Nonostante qualche piccola difficoltà, procede a pieno ritmo l’allestimento e la preparazione della Moschiano Race Marathon che, per questa edizione, vedrà un imponente sforzo organizzativo da parte della Moschiano Mtb Adventure.
Italia sull’Olimpo, anzi, sull’Olympia. Marzio Deho campione del mondo assoluto. Andrea Righettini e Stefano Dal Grande vincitori della Dolomitica Marathon
ulla linea di partenza della Pineta, nella mattinata di oggi, sabato 25 giugno, c’era il mondo. Trenta nazioni rappresentate, 800 i partenti.In palio c’era la maglia iridata per la categorie master mtb, quella maglia dal fascino irresistibile: indossarla è un sogno, viverla, un’avventura unica. Per tutti e per tutto il mondo.
La Thuile esalta Luca Braidot e Martina Berta Il friulano e Giada Specia nuovi campioni di IIS
Con il gran finale di La Thuile, sabato 25 giugno si è conclusa la stagione 2022 di Internazionali d’Italia Series, il più importante circuito italiano di Cross Country MTB, che anche quest’anno ha offerto gare e protagonisti ai massimi livelli della disciplina a livello mondiale negli appuntamenti di San Zeno di Montagna, Nalles e Capoliveri, fino alla conclusione in Valle d’Aosta.
L’iridata Richards torna in Italia: a La Thuile per puntare al tris
Si va ormai delineando il campo dei rider e delle formazioni ai nastri di partenza di La Thuile MTB Race, la quinta e ultima tappa di Internazionali d’Italia Series. Sabato 25 giugno in Valle d’Aosta ci sarà anche la Campionessa del Mondo Evie Richards, che a La Thuile in questi anni ha fatto percorso netto, dominando entrambe le edizioni fin qui disputate di un evento che quest’anno ha conquistato la categoria UCI HC.
Dolomitica 2022. Vi presentiamo i favoriti
L’emozione della vigilia di un Mondiale ha un nome, anzi dei nomi. Vediamo quali sono quelli da seguire e … inseguire domani a Pinzolo, sui percorsi della Dolomitica 2022 UCI Marathon Masters MTB World Championships.
Fruet presenta il finale di Valsugana Wild Ride: “Sentieri fantastici da veri biker”
Non sempre la discesa è la parte più facile di un percorso. Chi è abituato a macinare chilometri in mountain bike lo sa: molto spesso dopo la salita si nascondono le insidie di un tratto veloce e tecnico che può fare davvero la differenza.


Altre Notizie »