Granfondo Campania

Il Monte Megano vetta più alta della Granfondo del Parco Regionale dei Monti Lattari, alle porte la quinta edizione

,



Team Over the top BikePerfettamente organizzata dal Team Over the top Bike, continua la fase di preparazione verso la Granfondo del Parco Regionale dei Monti Lattari giunta felicemente con crescente successo alla quinta edizione in programma domenica 29 maggio a Gragnano come secondo appuntamento del Giro della Campania Off Road.

Carlo Bailotto, organizzatore dell’evento, sottolinea la grande importanza che riveste la manifestazione non solo per Gragnano ma per tutta la zona dei Monti Lattari e della Penisola Sorrentina-Amalfitana interessata dal passaggio della granfondo e che tanta importanza ha assunto per l’intero territorio interessato alla ricaduta turistica con l’avvenimento sportivo.

La granfondo misura 44 chilometri con 1850 metri di dislivello e percorre tutti i sentieri dei Monti Lattari di cui fa parte anche il Parco Regionale.  Dopo 5 chilometri dalla partenza subito una salita di due chilometri che causerà una prima scrematura del gruppo che sarà ancora più marcata quando si supererà il Monte Megano a quota 1200 metri. Verranno interessati i territori comunali di Scala, Ravello, Agerola, Pimonte per tornare a Gragnano tramite la discesa dell’Acquafredda. Il percorso escursionistico ha 1200 metri di dislivello spalmati in 26 chilometri e c’è solo da superare il Monte Megano senza intaccare la salita iniziale percorsa solamente dalla granfondo.

L’iscrizione si effettua sul sito www.mtbonline.it alla quota di 35 euro dal 27 maggio fino al giorno della gara.
La quota di iscrizione comprende il pacco gara, i rifornimenti lungo il percorso e l’assistenza medica.
 
Il Monte Megano vetta più alta della Granfondo del Parco Regionale dei Monti Lattari, alle porte la quinta edizione
1225 visualizzazioni


Ultimi Aggiornamenti

A Moschiano cresce l’attesa per il battesimo della nuova Moschiano Race Marathon
Nonostante qualche piccola difficoltà, procede a pieno ritmo l’allestimento e la preparazione della Moschiano Race Marathon che, per questa edizione, vedrà un imponente sforzo organizzativo da parte della Moschiano Mtb Adventure.
Italia sull’Olimpo, anzi, sull’Olympia. Marzio Deho campione del mondo assoluto. Andrea Righettini e Stefano Dal Grande vincitori della Dolomitica Marathon
ulla linea di partenza della Pineta, nella mattinata di oggi, sabato 25 giugno, c’era il mondo. Trenta nazioni rappresentate, 800 i partenti.In palio c’era la maglia iridata per la categorie master mtb, quella maglia dal fascino irresistibile: indossarla è un sogno, viverla, un’avventura unica. Per tutti e per tutto il mondo.
La Thuile esalta Luca Braidot e Martina Berta Il friulano e Giada Specia nuovi campioni di IIS
Con il gran finale di La Thuile, sabato 25 giugno si è conclusa la stagione 2022 di Internazionali d’Italia Series, il più importante circuito italiano di Cross Country MTB, che anche quest’anno ha offerto gare e protagonisti ai massimi livelli della disciplina a livello mondiale negli appuntamenti di San Zeno di Montagna, Nalles e Capoliveri, fino alla conclusione in Valle d’Aosta.
L’iridata Richards torna in Italia: a La Thuile per puntare al tris
Si va ormai delineando il campo dei rider e delle formazioni ai nastri di partenza di La Thuile MTB Race, la quinta e ultima tappa di Internazionali d’Italia Series. Sabato 25 giugno in Valle d’Aosta ci sarà anche la Campionessa del Mondo Evie Richards, che a La Thuile in questi anni ha fatto percorso netto, dominando entrambe le edizioni fin qui disputate di un evento che quest’anno ha conquistato la categoria UCI HC.
Dolomitica 2022. Vi presentiamo i favoriti
L’emozione della vigilia di un Mondiale ha un nome, anzi dei nomi. Vediamo quali sono quelli da seguire e … inseguire domani a Pinzolo, sui percorsi della Dolomitica 2022 UCI Marathon Masters MTB World Championships.
Fruet presenta il finale di Valsugana Wild Ride: “Sentieri fantastici da veri biker”
Non sempre la discesa è la parte più facile di un percorso. Chi è abituato a macinare chilometri in mountain bike lo sa: molto spesso dopo la salita si nascondono le insidie di un tratto veloce e tecnico che può fare davvero la differenza.


Altre Notizie »