Ciclocross

Ciclocross. Ovvero, se non ti sporchi, godi solo a metÓ!

,
photo credits ©Antonio Caggiano - www.bikerounder.com


freddo, fango, fatica ...e felicitÓ
...ma non solo!


A tutta, dal primo all'ultimo metro, senza un attimo di tregua.
Il ciclocross Ŕ il ciclismo d'inverno, sinonimo di freddo, fango e fatica.
Tre "F" che si sposano con una quarta, quella che conta di pi¨... felicitÓ.

Si, perchŔ gli occhi dei ciclisti sorridono dopo aver conquistato il traguardo: il ciclocross Ŕ sport antico che fa ritornare giovani, perchŔ sporcarsi ogni centimetro del corpo, occhiali compresi, Ŕ un gioco, di solito, permesso solo ai bambini.

Il fango che occupa ogni centimetro del volto diventa nel ciclocross la pi¨ preziosa medaglia da esibire, la prova, provata, di aver dato tutto. Il ciclocross Ŕ uno sport duro, un dispendio di energie pazzesco, battiti, sempre, oltre il limite massimo, e acido lattico, uniformemente  distribuito.
Un su, gi¨, destra, sinistra, frenetico.
Una gara a inseguimento, per tutti, anche per il primo, che presto si ritrova un avversario da doppiare.

Una gara corta, un'ora per i big, in cui non si ha tempo per pensare. Tocca correre, tocca aggredire i pedali, e quando occorre, tocca saltare oltre la bici. Un mezzo che metro dopo metro diventa irriconoscibile, che solo il getto potente delle "lance" (che rende meglio di idropulitrice) in pochi secondi riporta alla luce la sua bellezza.
Si, perchŔ quella bici da, quasi, corsa con quelle gomme leggermente tassellate, da 33 mm, Ŕ una delle massime espressioni di bellezza. Guai a dire il contrario.
Una bici rigidissima, reattiva, che concede al ciclista solo il lusso di assecondarla.
Una bici che ama condurre il gioco.
Scelto un binario nel fango, tocca inseguirlo.
Si va dove ti porta il fango.

E poi... c'Ŕ la discesa, con annesso segno di croce, nella mente, perchŔ il manubrio non lo si pu˛ mollare un secondo.
Si cade, spesso, con i fanghi lý pronti a lasciare un ricordo su maglie e pantaloncini. Si cade e ci si rialza, in un loop infinito.
Fatica, tecnica e divertimento: il ciclocross Ŕ un corso accelerato di guida, Ŕ la scuola del ciclismo.

Un zig zag tra i paletti stretti, curve a gomito, bici in spalla per superare gli ostacoli. Il ponticello, ripido, un salto quasi nel vuoto.
E poi... c'Ŕ il muro di fango, quasi verticale, che respinge all'indietro gli atleti.
I pi¨ temerari cercano di sconfiggerlo in sella, spesso facendo una fatica cene che non giustifica i pochi secondi guadagnati, altri saltano gi¨ dalla bici e la prendono in spalla.
Non c'Ŕ una tecnica giusta o migliore dell'altra: tocca superare l'ostacolo, arrampicarsi, tocca fare qualcosa... se serve, anche lanciare la bici se stanchi di trascinarla.

Uno spettacolo, unico, in cui protagonisti e spettatori fanno quasi la stessa fatica. Ciclismo antico e ciclismo moderno, assieme, passione e temerarietÓ. La carovana colorata del Giro d'Italia nel ciclocross Ŕ sostituita dalle mantelline dei meccanici che dopo ogni giro di giostra rimettono a nuovo le biciclette creando quella nuvola d'umiditÓ che veleggia sul campo di gara.

Uno sport, il ciclocross, povero, ma , ed anche la quinta F Ŕ servita!...
FIGHISSIMOOOOO!

Testo e foto credits by Antonio Caggiano - www.bikerounder.com
#mediterraneocross
foto credits by Antonio Caggiano - www.bikerounder.com
#mediterraneocross
foto credits by Antonio Caggiano - www.bikerounder.com
#mediterraneocross
foto credits by Antonio Caggiano - www.bikerounder.com
#mediterraneocross
foto credits by Antonio Caggiano - www.bikerounder.com
#mediterraneocross
foto credits by Antonio Caggiano - www.bikerounder.com
#mediterraneocross
foto credits by Antonio Caggiano - www.bikerounder.com
#mediterraneocross
foto credits by Antonio Caggiano - www.bikerounder.com
#mediterraneocross
foto credits by Antonio Caggiano - www.bikerounder.com
#mediterraneocross
foto credits by Antonio Caggiano - www.bikerounder.com
#mediterraneocross
foto credits by Antonio Caggiano - www.bikerounder.com
#mediterraneocross
foto credits by Antonio Caggiano - www.bikerounder.com
Ciclocross. Ovvero, se non ti sporchi, godi solo a metÓ!
photo credits Antonio Caggiano - www.bikerounder.com
4653 visualizzazioni


Ultimi Aggiornamenti

Granfondo Valle del Nisi: ci siamo!
Poche ore alla chiusura delle iscrizioni della terza edizione della Granfondo Valle del Nisi. Quasi 400 atleti hanno già confermato la propria presenza per domenica 26 marzo sul Lungomare di Alì Terme(ME)!
Marathon del Lago di Fondi e Monti Ausoni: il video della prima tappa del TPN
Le immagini salienti della Marathon del Lago di Fondi e Monti Ausoni, prima tappa del Trofeo dei Parchi Naturali 2023, svoltasi a Fondi (LT) il 19 marzo 2023. Organizzazione a cura della Cicloamatori Fondi
Domenica la Rampichiana, tanti big al via
La Rampichiana raggiunge la maggiore età e si presenta in pompa magna per l’appuntamento di domenica prossima, quando darà il via all’edizione 2023 della Coppa Toscana Mtb.
Aspromarathon MTB Race 2023. Arriva lo spot ufficiale
il 21 maggio 2023 la 6° Edizione - Gara Nazionale FCI, e quarta tappa del Trofeo dei Parchi Naturali
Maremma Challenge Bikepacking: 500 km di avventura nella Toscana pi¨ nascosta
500 km di avventura nella Toscana nascosta, quella della Maremma: è Maremma Challenge Bikepacking, un evento che nasce dalla volontà di trasmettere meraviglia, quella un territorio magnifico, spesso rimasto intatto, attraversato da strade e sentieri perfetti da vivere in sella.
Seconda tappa: San Terenziano
Tutto è pronto per la seconda prova del circuito del Gran Prix Centro Italia Mtb Giovanile. L’appuntamento è quello del 16 aprile nella splendida frazione perugina di San Terenziano di Gualdo Cattaneo.


Altre Notizie »