Trofeo dei Parchi Naturali

A Fondi si è parlata la lingua staniera

,
photo credits ©Antonio Caggiano - www.bikerounder.com



Trofeo dei Parchi Naturali 2023Prima tappa del Trofeo dei Parchi Naturali, completini e biciclette sono tirate a lucido, per i biker è un pò come la Prima della Scala.
Settantadue sono i chilometri di sterrato che dovranno affrontare, ma più che la distanza sono gli zero metri di dislivello a far paura. Un piattone simile non concederà un attimo di respiro.
Pronti via, i circa quattrocento bikers sono subito in bagarre per guadagnare le posizioni di testa.

Il ritmo è subito altissimo e i big forzano da subito per cercare di staccare il prima possibile un pò di vagoni della locomotiva lanciata a tutta sulle sponde del Lago di Fondi.   
Il tracciato sfila veloce, andata ritorno, da un ponte all'altro, senza soluzione di continuità. Impossibile capirci qualcosa, tocca spingere e tocca battezzare fin da subito le traiettorie migliori per non essere sobbalzato dalle diverse buche sul percorso.

In testa i soliti noti, tutti i protagonisti della precedente edizione del Trofeo, e un volto nuovo, mai visto, quello del cinque volte campione slovacco Tomas Visnovsky, DMT Racing.
I due Eracle, Colonna e Semeraro, con Spica, Vigoroso e Pellegrino sembrano essere i più generosi e più volte cercano di portar via un gruppetto.
Lo slovacco, più sornione, controlla e gestisce meglio degli altri la gara.

Come un elastico le varie locomotive si avvicinano e si allontanano, è una gara ad inseguimento o, impossibile dire il contrario, da sfinimento. Battiti a mille e debito d'ossigeno.
A metà gara, nonostante le drenate da paura, sono tutti lì.
Difficile, impossibile, per ora, fare la differenza. Intanto lungo il tracciato disegnato da Gino Marcantonio le pozzanghere si fanno sempre più numerose e profonde. Fango e acqua sporcano il viso e il corpo degli atleti, la contro medaglia della velocità e del piacere di succhiare le ruote. Presto i biker diventano irroconoscibili... di quelle maglie e biciclette tirate a lucido, non resta che un lontano ricordo.

La gara si decide ai venti dal traguardo.
Colonna tenta l'ennesimo allungo e a resistergli questa volta è il solo slovacco Visnosky. Dietro di loro si creano due gruppi inseguitori che successivamente ne diventeranno solo uno.
Il vantaggio del duo di testa, si fa sempre più ampio e decisivo. Dietro di loro non c'è accordo nè tanto meno le forze per rientrare.

Sul rettilineo finale il primo volto (completamente coperto di fango) a spuntare è quello dello slovacco Visnovsky.
Colonna, secondo, a sei secondi, paga un salto di pedale a poco dal traguardo e una gara, fin troppo, generosa.
La volata per il terzo gradino del podio è vinta da Francesco Acco, Ciclissimo Bike Team.

Tra le donne la Marathon di Fondi ha invece parlato la lingua lituana di Greta Karasiovaite, Triscelion Factory Team, brava a mantenere, e non perdere, le ruote più veloci dei colleghi maschi.
Alle sue spalle, a circa dieci minuti, la trionfatrice del TPN 2022, Mara Parisi, Bike & Sport, e la rientrante (alle corse) Ionela Molinaro, Swattati Team.

Prossimo appuntamento, il 16 aprile, a Marina di Ugento (Le), per la Prestiogosa Marathon del Salento.

 

Marathon    105 classificati

1 VISNOVSKY TOMAS EL DMT RACING BY MARCONI
2 COLONNA PAOLO M2 TEAM ERACLE
3 ACCO FRANCESCO EL CICLISSIMO BIKE TEAM

vai ai risultati

Granfondo    149 classificati

1 GIANNI CONCETTO M2 TEAM BIKE SIRACUSA-NOTO
2 DEL GIOVANE SIMONE ELMT ANIENE BIKE TEAM
3 CATTEDRA COSIMO M3 TEAM PREVIEW SEI SPORT

vai ai risultati

 
A Fondi si è parlata la lingua staniera
photo credits Antonio Caggiano - www.bikerounder.com
7989 visualizzazioni


Ultimi Aggiornamenti

L'undicesima Marathon del Salento si decide in volata
Domenica a Torre San Giovanni, a due passi da Leuca Finibus Terrae, è andata in scena la festa salentina. Una festa a 360 gradi con musica, balli e persino i supereroi. Nulla lasciato al caso. MTB Casarano e Terrarussa, i team organizzatori dell'evento più partecipato del centro-sud Italia, amano stupire e anche questa volta ci sono riusciti. Il favore di atleti e accompagnatori è stato ancora una volta conquistato in pieno.
Stagione cross country, ecco tutti i titoli regionali 2024
Fervono i preparativi per la gara di domenica 21 Aprile a Montena di Giovi dove la società Bike & Sport è già all’opera per la prima prova di cross country, che segue a ruota la Over The Top che con successo lo scorso 7 aprile ha tenuto a battesimo le gare Point to Point / Marathon
Archiviata alla grande la tappa di Roccasale
Domenica 14 aprile, a Roccacasale il grande evento nazionale del 4° Memorial Teodora e Ludovico, seconda tappa del Grand Prix Centro Italia MTB Giovanile
Anche a Sinalunga Valdrighi non ha rivali
La stagione di Stefano Valdrighi sta raggiungendo connotati eccezionali. Dopo Orvieto, Monteriggioni, Argentario e Syrah, il portacolori del Bottecchia Factory team porta a casa anche l’edizione del trentennale della Sinalunga Bike, continuando la sua straordinaria collezione di successi nel 2024
Un campionato italiano Made in Sud
La data del 2 giugno è da tempo ben fissa nella mente dei bikers. Sono cinquantaquattro i giorni di allenamento a disposizione degli atleti che ambiscono ad indossare le prestigiose maglie di campione italiano mtb marathon.


Altre Notizie »