UCI Enduro World Cup Val di Fassa Trentino

La prima Coppa del Mondo di Enduro nelle Dolomiti: un successo che conferma la Val di Fassa tra le grandi e più apprezzate località mountain bike al mondo

,


Premiato il percorso gara e la nuova area dedicata al Villaggio Evento e al Paddock Team, situata in uno spazio più ampio, circondato da un panorama unico e arricchito di servizi per gli atleti e gli spettatori che hanno partecipato numerosi a questa entusiasmante UCI Enduro World Cup Val di Fassa Trentino.


UCI Enduro World Cup Val di Fassa TrentinoSi è concluso con la gara dei professionisti la lunga settimana di Coppa del Mondo Enduro in Val di Fassa, che ha visto coinvolti oltre 700 atleti provenienti da ben 39 nazioni da tutto il mondo, 50 team ufficiali UCI World Series e oltre 300 persone tra staff locale, internazionale, volontari e associazioni, tutti impegnati per rendere questo prestigioso evento unico e spettacolare. 

“Siamo tutti molto soddisfatti del risultato della manifestazione e dell’impegno messo in campo durante questa stagione di grandi cambiamenti. Il passaggio della disciplina enduro a UCI World Cup ha richiesto un ulteriore sforzo di coordinazione, al quale abbiamo risposto con un ottimo lavoro di squadra” dichiara William Basilico responsabile del Comitato Organizzatore Locale e Direttore Gara.

Il feedback sulla gara e sul percorso è unanime e ricco di apprezzamenti: qui in Val di Fassa si sente l’autentico spirito dell’enduro. “Questa è la location più scenografica dell’intero circuito. I sentieri sono lunghi e fisici ma al contempo divertenti, con molte radici e sassi esposti, qui si respira aria di vero enduro” ha detto il velocissimo rider canadese del team Forbidden Synthesis Rhys Verner oggi decimo.

Il loop di gara della Coppa del Mondo di Enduro ha visto gli atleti impegnati in 5 prove speciali per un totale di 44 km e 2.935 m di dislivello in parte pedalato e in parte coperto con l’aiuto degli impianti FassaLift. Titans, Infinity, Electric Line, Tutti Frutti e Ciasates: questi sono i nomi delle epiche prove speciali che sono diventate un vero e proprio simbolo per questa località. Iconici sentieri che per tutta l'estate attireranno migliaia di ciclisti pronti a mettersi alla prova, proprio come hanno fatto oggi i migliori atleti del mondo.
Tutte lunghe, fisiche, con tratti velocissimi e come se non bastasse diversi rilanci pedalati in grado di spezzare il fiato anche ai più allenati. Il terreno alpino qui si manifesta in tutta la sua variabilità e l’interpretazione da parte del rider è fondamentale. Il Canadese Jessie Melamed oggi quinto dichiara: “La stage2 Infinity è una delle più dure di tutta la mia carriera, il segreto qui è lasciar ballare la bici sotto di te cercando di volta in volta i migliori punti di contatto e grip evitando il più possibile di lottare con il mezzo e il terreno”.

Il miglior interprete di queste condizioni e di giornata è stato l’australiano Matthew Walker Pivot Factory Racing che vince la categoria Men con il tempo di 35:24 minuti davanti al francese Alex Rudeau e all’americano Richard Rude. Nelle donne la più veloce è stata la francese Isabeau Courdurier del Team Lapierre Zipp Collective, già leader della serie, che chiude con il tempo di 41.03 minuti. Quarta a 30 secondi dal podio la nostra portabandiera Gloria Scarsi Team Canyon Cllctv Dainese in super forma in questa fase di stagione e reduce dai due podi consecutivi di Pietra Ligure e Leogang. Tra le ragazze Under 21 la nostra italiana Sophie Riva Sunn French Co By Alpe d'Huez, conquista con i denti la seconda posizione di categoria, un ottimo risultato che la conferma a suo agio sui trail fassani dietro solo alla canadese Emmy Lan, Forbidden Synthesis Team.

Importante anche il risultato di ieri dell’atleta trentino Martino Fruet che anche quest’anno super veloce sui tecnici e lunghi sentieri della Val di Fassa e porta a casa la vittoria di categoria Master 45+ nella gara Open di sabato.
Il giro gara dell’Enduro Elettrico invece ha visto gli atleti impegnati in 8 prove speciali (circa 50km e 3.700m di dislivello) con 2 Power Stage in salita, una delle quali “Il Ritorno” rimarrà aperta ed entrerà a far parte della rete sentieristica del Val di Fassa Bike District come primo sentiero in salita dedicato alle bici mountain bike a pedalata assistita di tutto il Trentino.

E’ stato dominio francese oggi in questa categoria. Tra gli uomini vince Kevin Merry Lapierre Zipp Collective con un tempo di 40:31 minuti totali, mentre tra le donne la più veloce è stata Laura Charles del team Miranda Factory Team che chiude in 43.00 minuti.
Le condizioni meteorologiche praticamente perfette, con sole e caldo per tutto il weekend, hanno attirato un pubblico numeroso che ha riempito il bellissimo villaggio evento di quest'anno. I food truck e i beer garden locali, i test bike, lo spettacolo dell'ultima prova speciale che si concludeva tra una folla entusiasta e naturalmente le premiazioni con il Gran Vernel sullo sfondo, hanno reso l'atmosfera ancora più speciale.

Anche il messaggio green e l'iniziativa ecologica (“you ride we plant a tree”) promossa dal Comitato Locale sono state un grande successo e molto apprezzate da tutti. "Il più bel regalo mai ricevuto in un pacco gara", ha dichiarato la rider tedesca Ines Thoma. Grazie a questa iniziativa che ha coinvolto tutti i rider e i membri dello staff, verranno piantati 1.000 nuovi alberi nei nostri boschi, un piccolo ma importante gesto proveniente dalla comunità bike che proprio in quei boschi si diverte con la propria bici.
Un grazie particolare a tutti i partner della manifestazione: APT Val di Fassa, Trentino Marketing, FassaLift, Trento DOC, Acqua Cedea, Wurth, Cassa Rurale delle Dolomiti e naturalmente tutti i supporter e attività commerciali locali.

La stagione bike qui in Val di Fassa è appena iniziata e l’invito a venire a girare in bici è esteso a tutti gli appassionati di enduro ma non solo, l’offerta bike e servizi dedicati è ampissima e adatta a tutti.
 
4080 visualizzazioni


Ultimi Aggiornamenti

Adamo fa festa nel ritrovato XCO Città di Modica-Cyclò
La classica manifestazione ragusana, normalmente teatro dell’inizio della stagione per gli appassionati siculi, ha dovuto emigrare nel tempo, per non perdere un’edizione che avrebbe rappresentato un inopinato stop per la sua storia.
Il Re del Pollino è Tony Vigoroso
E' stata una edizione esaltante dal punto di vista dei partecipanti - oltre 400 da tutta Italia - e per la gara che ha regalato, in questa decima edizione della Marathon degi Aragonesi, un combattuto testa a testa, risolto solo grazie al single track che ha determinato la vittoria di Antonio Virogoso.
Il TPN ingrana la sesta
Questa domenica riparte il Trofeo dei Parchi Naturali. La challenge andrà in scena nel parco nazionale più grande d'Italia: il Pollino. Parco del Pollino, che sarà protagonista sia questo weekend che l'ultimo del mese, quello del 29 e 30 giugno.
Cresce l'attesa per gli Stati Generali della Ciclovia dei Parchi
Due momenti di confronto e approfondimento sul mercato turistico per costruire un piano d'azione e irrobustire le buone pratiche con stakeholders e operatori del settore. Sono questi il cuore pulsante e strategico dell'edizione 2024 del Pollino Bike Festival, in programma da domani 14 giugno fino a domenica 16 a Catasta.
La Ciclovia dei Parchi in Calabria entra in EuroVelo 7
I 545 km della Ciclovia dei Parchi in Calabria sono entrati a fare parte di EuroVelo 7, ovvero la Ciclovia del Sole (Sun Route) che collega Capo Nord a Malta con un itinerario di 7.650 km attraverso 9 paesi europei, di cui 2000 km si trovano in territorio italiano, da San Candido in Alto Adige alla Sicilia. L’iniziativa parte da FIAB-Federazione Italiana Ambiente e Bicicletta, Coordinatore Nazionale EuroVelo in Italia dal 2011, che - in accordo con la Regione Calabria - ne aveva proposto la candidatura.
Tre percorsi per innamorarsi del Pollino
Si daranno battaglie a suon di pedalate i 450 bikers in arrivo sul Pollino per la decima edizione della Marathon degli Aragonesi, la gara in Mountain bike inserita nel calendario ufficiale del Trofeo dei parchi naturali, organizzata dall’Asd Ciclistica Castrovillari


Altre Notizie »