Trofeo dei Parchi Natrali

Vent'anni dopo, a Fondi, rivince un Carrer

,
photo credits ©Antonio Caggiano - www.bikerounder.com



Ventisei edizioni e non sentirle. La Marathon Lago di Fondi merita senza alcun dubbio l'appellativo di classica di primavera, la Milano - Sanremo delle ruote grasse.
In comune le due prove hanno la velocità e per entrambe il risultato è aperto ad ogni tipologia di ciclista: velocista, passista o scalatore che sia. Due gare simili dove a vincere è sempre il più forte. Due gare accomunate quest'anno anche dalla data: il Sabato è toccato agli stradisti mentre la Domenica, il duro lavoro, è toccato ai bikers.

A Fondi è mancato il Poggio (la salita finale della Classicissima) ma lo spettacolo non è mancato grazie al fango che ha ornato e arricchito il volto e il corpo degli atleti.
Sul vialone del Camping Sant'Anastasia, location della prova laziale, sono mille le ruote a contendersi la vittoria della seconda tappa del Trofeo dei Parchi Naturali, nella sua prova più settentrionale.

Ci sono le mountain bike e poi ci sono anche loro, le gravel, a contendersi quella che è la terza edizione di Le Strade Bianche del Lago di Fondi.
 Tutti assieme appassionatamente o, meglio dire, tutti assieme velocemente.

La prova organizzata da Gino Marcantonio e dai "ragazzacci" della Cicloamatori Fondi è un frenetico labirinto, un destra sinistra, sinistra destra, lungo le stradine e gli argini che costeggiano lo specchio d'acqua del Lago di Fondi.

Settantadue chilometri a folle velocità, a tutta dal primo all'ultimo metro, a tutta sul terreno sterrato, sulla ghiaia, sul fango, sull'erba, sul cemento, sull'asfalto e soprattutto, a tutta, sulle pozzanghere.
Pronti via tutti i biker cercano la testa della gara, qui, come da nessun altra parte, il risultato è apertissimo: il piattone con zero metri di dislivello esalta i watt e perdona i ciclisti con il chiletto di troppo.
Il gruppo è subito tirato per il collo con conseguente allungamento.
Il non più giovanissimo Monteleone (Asd Bike 1275) è la locomotiva umana in testa.
Gli anni per lui sembrano non voler passare.

Le velocità grazie al suo ritmo da ex stradista sfiorano per lunghi tratti i quaranta orari.
I biker alle sue spalle devon battezzare la ruota posteriore del collega di turno e sperare che questi scelga, anche per loro, le traiettorie migliori.
Qui cadute e forature sono sempre in agguato e in entrambi i casi la gara sarebbe persa. Mai mollare la presa, se è dura restare incollati al treno, sarebbe durissimo riprenderlo se scappa via anche di qualche metro.
Vigoroso (Team Eracle) fora nei primissimi ed è subito tagliato fuori dal risultato finale.

La carovana di testa per man mano qualche vagone più lento e/o più distratto nelle retrovie, specie quando dopo le curve a gomito tocca frenare e rilanciare ancora più veloci. Una manovra sbagliata può far perdere le ruote giuste.
In testa al gruppo principale ci sono tutti i più forti, qualcuno è bravo a stare nascosto, a proteggersi dal vento, altri fanno solo finta di mettere il naso fuori dal gruppo.
La gara scorre veloce, frenetica, è una gara ad inseguimento. Sul traguardo saranno più di 32 i chilometri di media oraria. E' difficile fare la differenza, è difficile salutare la compagnia.
Ci provano a far saltare il banco due volte Luciano (Asd Becycle Club) e due volte Monteleone.

Sul secondo tentativo del siciliano Monteleone è bravo a riportarsi il giovanissimo Vittorio Carrer, un volto conosciuto nel ciclocross, ma quasi sconosciuto nel Trofeo dei Parchi Naturali.
Il giovane pugliese, nonostante l'età, ha già l'esperienza di leggere la gara.
Dopo pochi metri in testa preferisce mollare la presa, nonostante a mancare sono ancora poco più di dieci chilometri.
Non vuole bruciare la gamba, sà che in volata può far la differenza.

Tra le donne, invece, ai dieci dal traguardo, Parisi (Bike&Sport) e Karasovaite (DMT Racing) sono ancora incollate tra loro, con la prima che non vuole alzare bandiera bianca contro la fortissima atleta lituana.

Il gruppo di testa composto da dieci unità arriva allungato sulla linea del traguardo.
Il più scaltro è lui, con il numero 1 di pettorale, il giovane Vittorio Carrer.
Il ragazzo pugliese è un predestinato, un figlio d'arte.
Il papà Maurizio vinse qui a Fondi nel 2004, esattamente vent'anni fa.

Vittorio nelle due shicane finali entra di prepotenza sugli avversari guadagnando in una sola manovra metri di vantaggio che gli permettono di alzare, senza rischi, le braccia sulla linea del traguardo con diverse biciclette di vantaggio.
Alle sue spalle è secondo Semeraro (Team Eracle), terzo Mignoli (Bike&Sport).

Tra le donne la Karasovaite stacca nel finale Parisi, seconda a 32 secondi, terza è la campionessa italiana master Greta Recchia (Happy Bike).

Il prossimo appuntamento per il Trofeo dei Parchi Naturali è in Salento.
Il 14 aprile si correrà la Marathon del Salento, la prova più partecipata nel centro sud Italia.
Vi aspettiamo per ballare la Taranta.

Risultati
 

Marathon    126 classificati

1 CARRER VITTORIO UN ASD FUSION BIKE
2 SEMERARO ROBERTO M1 TEAM ERACLE
3 MIGNOLI FRANCESCO M1 A.S.D. BIKE SPORT TEAM
4 LUCIANO ADRIANO M2 ASD BECYCLE CLUB - LUCKY TEAM
5 MONTELEONE GIANFRANCO M5 A.S.D. BIKE 1275
6 PERRONE PIETRO M3 NEW CYCLING TEAM
7 CIOTOLI RICCARDO M1 PIESSE CYCLING TEAM
8 GUAGNANO PAOLO M2 NEW CYCLING TEAM
9 DE SILVIO DARIO M3 NEW CYCLING TEAM
10 CARBONE GIORGIO MARIA M1 ASD CICLISTICA APRILIA

vai ai risultati

Point to Point    202 classificati

1 GIANNI CONCETTO M2 ASD TEAM NUOVA AVIR
2 IANNELLO SEBASTIANO M3 ASD TEAM NUOVA AVIR
3 MUSILLI ANDREA JU TEAM BELVEDERE
4 SIMEONI CRISTIANO M1 MAXIMO BIKE LAB TEAM ASTOLFI
5 LANDOLFI FRANCESCO JU CYCLING CAFE RACING TEAM
6 GIANNETTI ANTONIO M5 ASD BECYCLE CLUB - LUCKY TEAM
7 SOFIA GIUSEPPE ELMT SPECIAL BIKERS
8 MACCHIA DARIO JU TEAM BELVEDERE
9 VACCA FABIO M1 A.S.D. BIKE SPORT TEAM
10 ACCIARDO GIUSEPPE M3 CROCCANTI RACING TEAM

vai ai risultati

 
Marathon Lago di Fondi - bikerounder.com
Marathon Lago di Fondi - bikerounder.com
Marathon Lago di Fondi - bikerounder.com
Marathon Lago di Fondi - bikerounder.com
Marathon Lago di Fondi - bikerounder.com
Marathon Lago di Fondi - bikerounder.com
Marathon Lago di Fondi - bikerounder.com
Marathon Lago di Fondi - bikerounder.com
Marathon Lago di Fondi - bikerounder.com
Marathon Lago di Fondi - bikerounder.com
Marathon Lago di Fondi - bikerounder.com
Marathon Lago di Fondi - bikerounder.com
Marathon Lago di Fondi - bikerounder.com
Marathon Lago di Fondi - bikerounder.com
Marathon Lago di Fondi - bikerounder.com
Marathon Lago di Fondi - bikerounder.com
Marathon Lago di Fondi - bikerounder.com
Marathon Lago di Fondi - bikerounder.com
Marathon Lago di Fondi - bikerounder.com
Marathon Lago di Fondi - bikerounder.com
Marathon Lago di Fondi - bikerounder.com
Marathon Lago di Fondi - bikerounder.com
Marathon Lago di Fondi - bikerounder.com
Marathon Lago di Fondi - bikerounder.com
Marathon Lago di Fondi - bikerounder.com
Marathon Lago di Fondi - bikerounder.com
Vent'anni dopo, a Fondi, rivince un Carrer
photo credits Antonio Caggiano - www.bikerounder.com
3604 visualizzazioni


Ultimi Aggiornamenti

L'undicesima Marathon del Salento si decide in volata
Domenica a Torre San Giovanni, a due passi da Leuca Finibus Terrae, è andata in scena la festa salentina. Una festa a 360 gradi con musica, balli e persino i supereroi. Nulla lasciato al caso. MTB Casarano e Terrarussa, i team organizzatori dell'evento più partecipato del centro-sud Italia, amano stupire e anche questa volta ci sono riusciti. Il favore di atleti e accompagnatori è stato ancora una volta conquistato in pieno.
Stagione cross country, ecco tutti i titoli regionali 2024
Fervono i preparativi per la gara di domenica 21 Aprile a Montena di Giovi dove la società Bike & Sport è già all’opera per la prima prova di cross country, che segue a ruota la Over The Top che con successo lo scorso 7 aprile ha tenuto a battesimo le gare Point to Point / Marathon
Archiviata alla grande la tappa di Roccasale
Domenica 14 aprile, a Roccacasale il grande evento nazionale del 4° Memorial Teodora e Ludovico, seconda tappa del Grand Prix Centro Italia MTB Giovanile
Anche a Sinalunga Valdrighi non ha rivali
La stagione di Stefano Valdrighi sta raggiungendo connotati eccezionali. Dopo Orvieto, Monteriggioni, Argentario e Syrah, il portacolori del Bottecchia Factory team porta a casa anche l’edizione del trentennale della Sinalunga Bike, continuando la sua straordinaria collezione di successi nel 2024
Un campionato italiano Made in Sud
La data del 2 giugno è da tempo ben fissa nella mente dei bikers. Sono cinquantaquattro i giorni di allenamento a disposizione degli atleti che ambiscono ad indossare le prestigiose maglie di campione italiano mtb marathon.


Altre Notizie »